Ai docenti neo immessi in ruolo è richiesto di sostenere un anno di prova e di formazione al fine di acquisire ulteriori competenze. Sono però state raccolte numerose asserzioni, da parte dei docenti, di incomprensione sulle disposizioni del Miur in merito al colloqui finale. Ora le principali organizzazioni sindacali si sono riunite per chiedere spiegazioni in merito al questo argomento di grande importanza.

Fermo restando le disposizioni date sulla formazione e sull'affiancamento di un docente tutor per creare un portfolio professionale in grado di fare il punto della situazione sulle competenze del docente, molte restano ancora le fasi nebulose che meritano una risposta quanto più tempestiva da parte del ministro Giannini.

Colloqui finale: sindacati chiedono info al Miur

I sindacati si sono riuniti per chiedere al Miur, con riferimento al ministro Giannini, spiegazioni sull'anno di prova dei docenti assunti recentemente e del relativo colloquio finale.

Ai docenti appena assunti viene chiesto di migliorare le proprie competenze tramite quattro fasi:

  • incontri mirati alla costruzione di un bagaglio culturale superiore;

  • accesso a laboratori formativi che forniscano ulteriori competenze;

  • spirito di approccio osservativo in classe durante lo svolgimento della lezione;

  • acquisizione di ulteriori nozioni tramite l'utilizzo di apparecchiature informatiche.

All'interno dell'anno di prova il docente deve creare il proprio portfolio professionale avvalendosi dell'uso di materiale informatico.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Scuola

All'interno del proprio portfolio professionale il docente deve creare un proprio curriculum vitae aggiornato, il proprio bilancio delle competenze all'inizio ed alla fine del percorso intrapreso, tenere traccia delle nozioni apprese e fornire conclusioni personali sull'arricchimento culturale e professionale ottenuto. Alla fine dell'anno di formazione i docenti neo-immessi in ruolo deve fare un colloquio davanti al Comitato per la valutazione al quale è presente anche il docente tutor che ha supervisionato l'intero anno di preparazione del collega appena assunto.

Il Dirigente scolastico fornisce copia del percorso formativo del docente neo-immesso in ruolo, sulla base del contenuto del portfolio personale fornito dallo stesso. Il parere del Comitato di valutazione ha forte rilevanza ai fini della valutazione finale, ma il dirigente scolastico ha facoltà di esprimersi in maniera assolutamente opposta. A causa però di pareri diversi tra i vari Direttori Scolastici Regionali in merito allo svolgimento del colloquio finale di valutazione in ogni sua singola parte, i docenti neo immessi in ruolo non riescono più ad avere le idee chiare sullo svolgimento dello stesso.

A tal proposito i sindacati hanno più volte chiesto un chiarimento al Miur, in riferimento al ministro Giannini. Finora non sono pervenute risposte e quindi i sindacati si sono riuniti per chiedere, tramite l'invio di una lettera firmata da ognuno dei rappresentanti di ogni singola organizzazione sindacale, delucidazioni necessarie e tempestive.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto