Una notizia di alcuni giorni fa riportata da Agrigentonotizie, riferiva del sequestro di beni disposto a seguito dell'inchiesta contro i furbetti della legge 104. Le indagini della Digos, denominate “La carica delle 104”, avevano portato tra le altre cose alla condanna di Daniele Rampello, considerato 'l'ideatore e l'organizzatore di un sistema corruttivo” e permesso di accertare le responsabilità penali a carico di autisti di ambulanze, medici, paramedici e persone che pagavano in cambio della possibilità di percepire le agevolazioni della legge 104.

Dopo la decisione di sequestrare i beni di Rampello, il questore Mario Finocchiaro ha annunciato che questo non resterà il solo provvedimento del genere. 'Lo Stato vuole un percorso di legalità completo' ha affermato, 'per cercare di stanate tutti i furbetti di turno'.

Furbetti legge 104, sequestri di beni in arrivo?

Sulla questione dei sequestri di beni a chi è coinvolto negli abusi sulla legge 104,si è pronunciato anche il primo dirigente Giovanni Giudice, che ha spiegato che non vanno aggrediti solo i beni della mafia, ma anche i patrimoni accumulati illegittimamente attraverso forme criminali come quella di chi abusa di una legge senza averne diritto. Il sequestro dei beni è un modo di restituire alla collettività quanto sottratto illegalmente.

Secondo quanto riportato da ilgiornale.it. “l'esercito della 104 costa all'Inps 800 milioni di euro l'anno; sono un milione e mezzo coloro che ne beneficiano, che corrisponde al triplo rispetto al resto d'Europa, per un totale di 6 milioni di ore lavorative perse.

Scuola e 104: in attesa che qualcosa cambi

Sebbene l'inchiesta di Agrigento in merito ai furbetti della legge 104 abbia coinvolto anche personale della Scuola, sono in molti a invocare interventi anche nel resto d'Italia.

A tal proposito è intervenuto Davide Faraone, sottosegretario all'Istruzione, che ha assicurato che è stata avviata una capillare serie di verifiche sui requisiti di chi la richiede. Siamo ansiosi di vedere i risultati di queste verifiche. Resta aggiornato sull'argomento della 104 e le altre news dalla scuola, cliccando il tasto Segui.