Di certo è stata superata la soglia delle sessantamila domande presentate per la pensione anticipata dei precoci con quota 41 e quella delle uscite con l'anticipo pensionistico Ape Social 2017. Infatti, secondo i dati de Il Sole 24 Ore, alla vigilia della chiusura del termine per presentare domanda per le pensioni anticipate 2017, si stimava nel numero di 65 mila domande già pervenute, più di quelle preventivate dal Governo in merito alle risorse per le pensioni messe a disposizione con la legge di Stabilità.

Il risultato, in ogni modo, non si discosta troppo dal limite dei 60 mila beneficiari di Ape social e precoci quota 41: infatti, i numerosi requisiti richiesti per i due canali di pensione anticipata imponevano un taglio della platea dei beneficiari. Ma l'Inps comunicherà i dati ufficiali a breve.

Pensioni precoci quota 41 e Ape social: il 17 luglio 2017 i dati Inps sulle domande presentate

Infatti, secondo quanto riportato dal quotidiano economico, domani 17 luglio 2017 l'Istituto di previdenza comunicherà il dato ufficiale delle domande presentate sia per la pensione anticipata dei precoci che abbiano raggiunto la quota 41 che per le uscite con anticipo pensionistico Ape social.

La ripartizione de Il Sole 24 Ore fatta venerdì parlava di 39 mila domande per l'Ape social e di altre 26 mila per la quota 41 dei lavoratori precoci. Verrà superato il limite delle sessantamila domande, ma occorrerà tener conto delle domande presentate da possibili beneficiari che non siano in possesso dei requisti richiesti per le due pensioni anticipate. Oltre alle domande che risulteranno del tutto irregolari.

Dovrebbero, pertanto, bastare le risorse messe a disposizione dal Governo per questa prima tornata di uscite anticipate. Per la graduatoria definitiva, invece, l'Inps avrà tempo fino al 15 ottobre 2017 e le domande verranno accolte sulla base del criterio dell'età del richiedente.

Domande pensioni anticipate 2017 Ape e precoci quota 41: quando la risposta Inps?

I lavoratori che abbiano presentato domande giudicate bocciate o non presentate in tempo per la pensione anticipata 2017 con Ape social o con la quota 41 dei precoci (oppure chi maturi i requisiti dopo il 15 luglio 2017, giorno di scadenza), avranno altre possibilità di uscita anticipata.

Infatti, i contribuenti che maturino i requisiti successivamente alla scadenza dell'Ape social e dei precoci, potranno presentare domanda entro il 30 novembre 2017, ma in questo caso potranno rientrare nella pensione anticipata solo nel caso in cui dovessero avanzare risorse dalla scadenza di luglio. Infine, tra le ultime novità dei giorni scorsi, i lavoratori edili potranno farsi certificare i periodi di attività dalle Casse Edili nel caso in cui non abbiano la possibilità di ottenere il documento dal datore di lavoro.

Segui la pagina Pensioni
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!