Fino al 30 Ottobre 2017 sarà possibile presentare domanda per l’inserimento in terza fascia nelle graduatorie di circolo e d’istituto del triennio 2017-2020 relative al personale scolastico non docente (personale ATA). Le figure previste dal bando pubblicato dal Miur con il D.M. n°640 del 30/08/2017 sono le seguenti: assistente amministrativo, assistente tecnico, cuoco, infermiere, guardarobiere, addetto alle aziende agrarie e collaboratore scolastico.

Pubblicità
Pubblicità

Il bando determina la compilazione del modello D1 per gli aspiranti che si inseriscono in graduatoria per la prima volta, ma anche per coloro che erano iscritti nel 2014 e devono aggiungere nuovi profili.

Scelta della provincia

La domanda di inserimento deve essere prodotta, a scelta dell’aspirante, per un’unica provincia all’interno della quale scegliere una Scuola capofila. Quest’ultima rappresenta l’istituto al quale indirizzare il modulo compilato e che prenderà in carico la gestione della domanda.

Pubblicità

L’elenco delle sedi esprimibili per provincia, insieme all’indirizzo e al codice meccanografico di ognuna, può essere rintracciato tramite l’applicazione del Miur disponibile al seguente percorso: 'Home > Argomenti e Servizi > Scuola > Assunzioni e posizioni economiche > Supplenze ATA > Graduatorie di circolo e d’Istituto di terza fascia'. Non rappresentano sedi esprimibili ai fini delle graduatorie gli istituti scolastici delle province autonome di Trento e Bolzano e della regione Valle d’Aosta.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Scuola

Modello D1, la compilazione

Sezione A. Il candidato deve inserire i propri dati anagrafici, facendo particolarmente attenzione al codice fiscale, fondamentale per il riconoscimento sul portale istanze online, e ai dati di recapito, utili per le eventuali comunicazioni da parte della scuola.

Sezione B. Nella parte B1, è necessario indicare la provincia in cui chiedere inclusione insieme alla modalità di accesso e ai profili di interesse.

Nello specifico, il candidato barrerà la casella X o Y a seconda che sia in possesso del titolo di studio richiesto oppure se, in assenza di titolo di studio, acceda per precedente inclusione in graduatoria o con 30 giorni di servizio. Nella sezione B2 l’aspirante deve indicare la lettera corrispondente alla propria situazione personale (A per chi si inserisce ex novo nelle graduatorie; B e C per chi era già incluso e presenta domanda per la stessa provincia ma nuovo profilo; D ed E per chi era incluso e chiede di modificare provincia mantenendo il profilo professionale; F per chi era già incluso nelle graduatorie e conferma sia la provincia che i profili; G per coloro che accedono con vecchio titolo di studio o con 30 giorni di servizio).

Pubblicità

Sezione C. Per ciascun profilo professionale devono essere indicati il titolo di studio di accesso, inserendo X o Y nella casella corrispondente, e la modalità di accesso, riportando nella relativa casella la lettera indicata nella precedente sezione B2 del modulo. Le tabelle C1 e C2 devono essere compilate solo da coloro che erano già inseriti in graduatoria con un titolo di studio previsto dal precedente ordinamento.

Pubblicità

Sezione D. In questa parte bisogna indicare i titoli di studio posseduti dall’aspirante che, diversi da quelli di accesso, sono utili ai fini del punteggio secondo le tabelle di valutazione predisposte dal Miur. La sezione D1 è riservata alla dichiarazione dei titoli informatici posseduti tra quelli elencati.

Sezione E. Nella prima parte (E1) il candidato deve elencare, per anno scolastico, tutti i servizi scolastici svolti sia come personale docente che come ATA. È importante indicare la tipologia di contratto (determinato/indeterminato), l’istituto coinvolto e il tipo di servizio (statale/non statale). La sezione E2 è riservata ai titoli di servizio generici accumulati nelle pubbliche amministrazioni, mentre la sezione E3 contiene le specifiche relative al servizio civile volontario.

Sezione F. Il candidato deve indicare, se presenti, i titoli di preferenza che permettono di avere la precedenza in graduatoria a parità di punteggio insieme agli estremi del documento per riconoscono tale condizione.

Sezione G. Deve essere compilata solo da chi, già inserito in graduatoria, chiede di cambiare provincia per l’inserimento in terza fascia. Il candidato che rientra in questa condizione deve presentare contestualmente il modello D4 per il depennamento in graduatoria nella provincia di precedente inclusione.

Sezione H. A discrezione del candidato, questa sezione prevede un riepilogo di punteggi e di titoli e modalità di accesso per ciascun profilo professionale per cui ci si candida.

Sezione I. In questa ultima parte devono essere dichiarati tutti i requisiti generali necessari per accedere alle graduatorie.

Una volta terminata la compilazione, tutte le pagine del modelloD1 devono essere datate e firmate dal candidato.

Presentazione della domanda

La domanda di inserimento e/o aggiornamento nelle graduatorie di terza fascia del personale ATA può essere: presentata a mano all’istituzione scolastica prescelta che ne rilascia la ricevuta; spedita mediante raccomandata con ricevuta di ritorno (in questo caso fa fede il timbro e la data dell’ufficio postale accettante; inviata tramite personale posta elettronica certificata (Pec). La data di scadenza per la presentazione delle domande è fissata al 30 Ottobre 2017.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto