Le ultime novità sulle Pensioni ad oggi 12 marzo 2018 vedono proseguire la Lega nel tentativo di cancellare la legge Fornero [VIDEO]. Nel frattempo anche da sinistra si riaccende la discussione sulla Manovra previdenziale del 2011, vista come la principale causa della frammentazione e delle difficoltà vissute negli ultimi anni. Da Confindustria arriva una nuova presa di posizione in merito alle promesse elettorali dei partiti, mentre nel CODS si torna a sottolineare la posizione del Comitato sulle istanze avanzate ormai da tempo. Infine, importanti aggiornamenti riguardano il comparto della previdenza complementare, che potrà rientrare negli accordi della contrattazione nazionale.

Vediamo insieme tutti i dettagli nel nostro nuovo articolo di approfondimento.

Salvini (Lega) punta a trovare una maggioranza per cancellare la legge Fornero

"Mi interessa trovare una maggioranza di Governo che mi aiuti a cancellare la legge Fornero”. Lo ha affermato nella giornata di ieri il leader della Lega Matteo Salvini, intervenuto alla scuola politica del partito. Secondo l'esponente leghista, l'obiettivo principale resta proprio l'azione di riforma sulla previdenza, assieme alla riduzione delle tasse e all'immigrazione "senza controllo". In merito a tali questioni, Salvini ha quindi spiegato di voler creare un programma che sarà posto all'attenzione di tutti i parlamentari, con il fine di ottenere un appoggio sufficiente per dare vita al nuovo Governo.

Epifani (LeU) torna a criticare la Manovra del 2011

"Il divorzio tra la sinistra e quella che un tempo si chiamava la classe operaia si è consumato sulla legge Fornero [VIDEO], sull'aumento dell'età, sugli esodati, sulle condizioni di vita reale dei lavoratori".

Lo ha dichiarato Guglielmo Epifani (Liberi e Uguali), durante un'intervista rilasciata per il quotidiano La Repubblica. Secondo l'ex Segretario generale della Cgil, le cause della situazione politica vissuta attualmente dalle forze di sinistra sono rintracciabili nella Manovra correttiva del 2011.

Boccia (Confindustria): no a modifiche alla Fornero, sì alla flat tax

Il Presidente di Confindustria è tornato ad esprimersi in merito ai propositi elettorali dei partiti che hanno ottenuto il consenso degli italiani, spiegando qual è la posizione degli industriali italiani al riguardo. "Noi dialoghiamo con tutti per arrivare a punti di convergenza. Sulla riforma Fornero, per esempio, non condividiamo la modifica", ha sottolineato Vincenzo Boccia. Diversa invece l'opinione riguardante "la flat tax", per la quale "condividiamo il concetto".

Armiliato (CODS): da sempre ripetiamo che le donne sono in credito

"Noi lo stiamo ripetendo da sempre che le donne sono in credito e ci impegniamo con il nostro costante lavoro affinché questo credito possa essere ripianato".

Lo afferma la fondatrice del CODS Orietta Armiliato, ricordando però che "allo stesso tempo, abbiamo chiara la necessità che tutti i debiti contratti con i lavoratori, e non sono poco cosa, si bilancino fino al pareggio. Solo allora, avremo raggiunto lo scopo che ci sta (o che ci dovrebbe stare...) a cuore: cancellare le diseguaglianze fra uguali. Perché questo è l’obiettivo: arrivare ad essere uguali".

Pensioni integrative: il secondo pilastro rientra nei contratti

Il welfare di secondo pilastro è tra i protagonisti dell'accordo recentemente firmato tra Confindustria e sindacati in merito alle future attività di contrattazione collettiva. Nella pratica, si tratta di una nuova apertura verso un modello flessibile, che consentirà di offrire maggiore spazio al welfare concordato [VIDEO], rappresentando un cambiamento che potrebbe interessare fino a 5 milioni di lavoratori del settore privato e che attribuisce alla previdenza complementare una nuova occasione di rilancio. D'altra parte, la necessità di investire nel settore è stata sottolineata sia da Confindustria che dai sindacati attraverso richieste di intervento sulla fiscalità delle prestazioni e dei rendimenti, oltre che sulla revisione dei benefici per gli investimenti dei fondi in economia reale.

Come da nostra prassi, restiamo a disposizione dei lettori nel caso desiderino aggiungere un commento nel sito o nella pagina Facebook "Riforma Pensioni e lavoro" in merito alle ultime novità sul comparto previdenziale riportate nell'articolo