Il disegno di legge numero 1071, depositato alla Camera lo scorso 6 agosto, in merito al taglio alle Pensioni d'oro, sta rischiando di creare la prima divergenza tra il Movimento Cinque Stelle e la Lega. Nelle ultime ore, la proposta di legge che ha come primi firmatari i capigruppo Riccardo Molinari (Lega) e Francesco D'Uva (M5S) ha generato un'ondata di critiche sul metodo di ricalcolo degli assegni pensionistici superiori ai quattromila euro mensili. A questo proposito, Molinari ha rilasciato alcune dichiarazioni che intendono gettare acqua sul fuoco delle polemiche divampate nelle ultime ore.

Pubblicità
Pubblicità

Molinari: 'Correggeremo il ddl sulle pensioni oltre i 4000 euro, no a espropri proletari'

'Il principio è quello di ricalcolare le pensioni che superano i 4000 euro netti al mese - ha precisato il capogruppo leghista a Montecitorio - senza che siano effettuati espropri proletari o che si vada a penalizzare coloro che sono andati in pensione prima'. In ogni caso, l'esponente del partito del Carroccio ha sottolineato come la norma verrà corretta insieme ai tecnici del Parlamento e del Ministero, affinché non si producano effetti diversi da quelli desiderati.

Pubblicità

Molinari ha, oltre modo, specificato come la Lega stia sostenendo la proposta del Movimento Cinque Stelle, senza, comunque, andare a penalizzare chi è andato in pensione prima. D'altro canto, i pentastellati hanno promesso di sostenere la riforma Flat Tax, fortemente voluta dalla Lega. Primi scricchiolii del contratto di Governo M5S-Lega: naturalmente, le forze dell'opposizione sono lì, pronte, ad approfittare di questi, chiamiamoli così, primi 'misunderstanding' della maggioranza di Governo.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Pensioni M5S

Di Maio e lo scontro con 'Repubblica': il M5S prosegue nella battaglia contro i privilegi della 'casta'

Il Ministro del Lavoro, Luigi Di Maio, ha avuto modo di scontrarsi con il quotidiano 'Repubblica', sulle possibili forti penalizzazioni a cui sarebbero andate incontro, in particolare, le donne ma anche i militari, secondo quanto contenuto nel ddl Molinari-D'Uva.

La Lega ha voluto smorzare i toni della polemica parlando di testo su cui bisognerà ancora lavorare, con l'obiettivo di arrivare ad un contributo di solidarietà a favore delle pensioni minime, un principio, tra l'altro, contenuto anche nel programma elettorale del centrodestra e sostenuto, in particolar modo, dalla leader di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni.

Ora bisognerà vedere quale sarà la reazione dei 'grillini' di fronte alle dichiarazioni di Riccardo Molinari: il M5S, da sempre schierato nel combattere i privilegi della 'casta', non sembra intenzionato ad indietreggiare.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto