Le ultime novità sulle Pensioni ad oggi 5 agosto 2018 vedono arrivare nuove dichiarazioni distensive dal Governo circa i rapporti con Bruxelles e il possibile aumento dell'Iva, mentre dai tecnici continua a permanere il pressing sulla tenuta dei conti e sul rischio caos in caso di un allentamento della regole alla base del sistema previdenziale. Nel frattempo dalla stampa economica specializzata si fa notare che la nota di Governo risalente all'ultimo vertice non ha espressamente citato il superamento della legge Fornero. Infine, vediamo le nuove ipotesi in merito alla rimodulazione delle detrazioni.

Pubblicità
Pubblicità

Di Maio (M5S) sulla LdB: no ad aumenti dell'Iva ed a strappi con Bruxelles

Il Ministro del Lavoro Luigi Di Maio ha preso posizione in merito alle indiscrezioni di stampa circolate nelle ultime ore rispetto ai rischi insiti nel programma di riforma da inserire nella prossima Manovra. Secondo l'esponente pentastellato, non è previsto alcun aumento dell'Iva a supporto della flat tax e del reddito di cittadinanza. Anche rispetto agli organismi internazionali il Vice Premier ha sottolineato che l'obiettivo resta quello di instaurare un "dialogo decisivo e sincero per riuscire a ottenere delle cose".

Mentre per quanto concerne il reddito di cittadinanza, si tratta di un provvedimento fondamentale per la lotta alla povertà. Anche per questo è un lavoro su di "un'emergenza che dobbiamo assolutamente portare avanti".

Riforma pensioni 2019: la minaccia dei fondi Usa: si rischia il caos

Dai mercati arriva un nuovo avvertimento all'esecutivo in merito ai propositi di riforma del sistema previdenziale e fiscale. "La riforma sulle pensioni porterebbe il governo di Roma allo scontro frontale con l'Unione Europea", ha spiegato Peter Cardillo, Chief market economist alla Spartan Capital Securities di New York.

Pubblicità

Secondo l'economista, in un simile scenario "potrebbe riaprirsi la discussione se restare o uscire dall'euro. Tutto ciò potrebbe scatenare una grande speculazione, lo spread schizzerebbe a livelli inauditi e l'Italia ne uscirebbe a pezzi". Per quanto concerne invece la flat tax, il tecnico ha opinioni maggiormente possibiliste. "Sulle tasse il discorso è diverso: forse ci può essere qualche margine per una riduzione graduale".

Il Sole 24 Ore: nella nota diffusa dal Governo manca il dossier previdenza

Nella giornata di ieri il Sole 24 Ore ha fatto notare all'interno di un proprio articolo di approfondimento che il dossier sul superamento della legge Fornero non è stato citato all'interno della nota diffusa dal Governo dopo il vertice per la legge di bilancio 2019.

Secondo quanto indicato dalla nota testata economica, "salvo cambi di programma il superamento, sia pur graduale, della legge Fornero verrebbe dunque rinviato a dopo l’avvio del reddito di cittadinanza". Motivo per il quale al momento non si è fatto esplicito riferimento alla quota 100. Sempre secondo quanto riportato dal giornale, resta invece maggiormente probabile un taglio sulle pensioni d'oro, sebbene si confermi che al momento tali posizioni restano congetture (non essendo ancora disponibile la bozza della Manovra).

Pubblicità

La quadra sulle coperture: allo studio tagli sulle detrazioni fiscali

Sul tema delle coperture relative alla legge di bilancio 2019 è invece il Corriere della Sera a riportare alcune ipotesi d'intervento. Secondo il quotidiano il governo avrebbe allo studio un'ipotesi di riduzione orizzontale delle detrazioni dall'attuale percentuale del 19% al 15%. La misura avrebbe il vantaggio di essere universale e quindi di non far rischiare l'insorgere di proteste da parte di specifiche categorie.

Pubblicità

Allo stesso tempo, si starebbe studiando l'eliminazione di tax expenditures considerate spendibili sul piano politico, come nel caso delle detrazioni irpef al 50% sulla ristrutturazione delle piscine domestiche. Mentre un'ulteriore opzione potrebbe consistere nella costituzione di un tetto massimo alle agevolazioni, ipotizzabile a 75mila euro.

Come da nostra prassi, restiamo a disposizione dei lettori qualora desiderino aggiungere un commento nel sito o nella pagina Facebook "Riforma Pensioni e Lavoro" in merito alle ultime novità su welfare e previdenza riportate nell'articolo.

Leggi tutto