Il Governo negli ultimi giorni starebbe valutando l'ipotesi di vietare la possibilità di sommare i contributi per chi intende andare in pensione con la quota 100, per rendere la manovra meno gravosa. Il cumulo contributivo era infatti stato inserito nella legge di bilancio 232/2016 e permetteva di sommare l’età anagrafica al numero di anni contributivi anche se questi erano in diverse forme di previdenza obbligatoria. Una possibilità che potrebbe essere negata dall’attuale Governo giallo-verde.

Pubblicità
Pubblicità

I requisiti della quota 100

Stando alle cifre del Def approvato lo scorso 27 settembre, per poter consentire la pensione a migliaia di persone con quota 100 (62 anni e 38 anni di contributi), occorrerebbero 7 miliardi di euro. Ci sono però dei punti fermi da rispettare sia per quanto riguarda l’età anagrafica che per gli anni di contributi. L'obiettivo della quota 100 è quello di dare nuove forme di flessibilità lavorativa per permettere un ricambio generazionale favorendo ai giovani l'ingresso nel mondo del Lavoro.

Pubblicità

Se è vero che la somma deve essere 100, è anche vero che l’età anagrafica non deve essere inferiore a 62 anni: quindi una persona che ha 60 anni di età e 40 anni di contributi non può andare in pensione, anche se la somma è 100. Occorrerà infatti che raggiunga i 62 anni di età. Lo stesso vale per il numero di anni di contributi: nel caso di una persona con 64 anni di età e 36 contributivi, dovrà aspettare di averne 38, lavorando altri due anni.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Pensioni Lavoro

Novità anche in merito ai contributi figurativi, ovvero i contributi fittizi maturati quando il lavoratore non ha svolto la sua normale attività lavorativa come nel caso della maternità, la malattia, la disoccupazione, la cassa integrazione e l’invalidità. Sembra infatti che nel caso di contributi figurativi, essi verranno conteggiati per un massimo di due anni, quindi nel caso di un lavoratore con 35 anni di contribuzione effettiva e 3 anni di contribuzione figurativa, gli verranno conteggiati solamente 2 anni, per un totale di 37 anni di contributi, non sufficenti alla pensione.

Il Governo è così al lavoro per poter apporre delle modifiche alla Riforma delle Pensioni, mentre i sindacati avanzano richieste in merito alla salvaguardia degli esodati, ai giovani e all’Opzione Donna, chiedendo un incontro con il Governo per discutere di queste problematiche entro la presentazione della Legge di Bilancio 2019 (approvazione entro metà ottobre).

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto