La pensione anticipata a quota 100 scatterà già a partire dalla fine del 2018: si potrà lasciare il lavoro in aprile per i lavoratori in uscita che maturino i requisiti entro il prossimo 31 dicembre. Ad anticipare alcuni dettagli tecnici delle nuove Pensioni a quota 100 è il quotidiano Repubblica che descrive i requisiti da maturare, sommando l'età di 62 anni e i contributi versati pari ad almeno 38 anni, per poter accedere alla nuova formula di pensione.

Pubblicità
Pubblicità

Con alcune novità che riguardano anche i contribuenti statali e soprattutto i docenti ed il personale ausiliario, tecnico ed amministrativo (Ata) della Scuola: infatti, chi lavora nella Pubblica amministrazione dovrà far slittare l'uscita di sei mesi, gli impiegati della scuola anche di più. Ciò dipenderà dalle finestre di uscita delle pensioni a quota 100, diversificate tra lavoratori del pubblico impiego e contribuenti del settore privato.

Ultime pensioni anticipate con quota 100: novità finestre mobili per uscita statali e privati

Entrando nel dettaglio dei requisiti di uscita delle pensioni anticipate a quota 100, secondo quanto prevede la bozza del pacchetto delle pensioni della legge di Bilancio 2019, chi maturerà i requisiti della quota 100 entro il 31 dicembre 2018 potrà andare in pensione a partire dal 1° aprile 2019.

Pubblicità

Questa decorrenza è prevista per i lavoratori del settore privato, mentre per i contribuenti statali è previsto un ulteriore ritardo di due mesi. Infatti, i dipendenti del pubblico impiego che avranno raggiunto almeno i 38 anni di contributi e l'età di 62 anni entro la fine del 2018, potranno andare in pensione con quota 100 a partire dal 1° giugno 2019. Il testo della riforma delle pensioni del Movimento 5 Stelle di Luigi Di Maio e della Lega di Matteo Salvini, ancora in via di definizione, prevede inoltre che i contributi figurativi, necessari per agevolare l'uscita con le nuove pensioni possano essere nel numero massimo di tre anni. Ciò significa che i contributi versati potranno essere incrementati dei periodi di malattia o di disoccupazione fino ad un massimo di 36 mesi.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Pensioni Scuola

Novità oggi pensione anticipata con quota 100: uscita docenti e Ata della scuola

Fin qui il funzionamento delle finestre mobili per le prime uscite con le pensioni anticipate della fine del 2018 e del primo scorcio del 2019. Il calcolo delle finestre mobili per i lavoratori che dovessero maturare i requisiti di uscita per la quota 100 nel 2019 avranno le seguenti decorrenze:

  • per i lavoratori impiegati nel settore privato che dovessero maturare i requisiti delle pensioni a quota 100 dal 1° gennaio 2019, l'andata in pensione vera e propria slitterà sempre di tre mesi dalla data di maturazione dei requisiti stessi;
  • per i lavoratori della Pubblica amministrazione, invece, l'attesa per andare in pensione con quota 100 sarà di sei mesi rispetto alla maturazione dei minimi contributivi di 38 anni e dell'età base di 62 anni. Ciò consentirà, come ha ricordato il ministro del Lavoro, Luigi Di Maio e Giulia Bongiorno, a capo del dicastero della Funzione Pubblica, di poter rimpiazzare i lavoratori statali in uscita. Saranno previsti, infatti, dei concorsi "sprint", della durata di pochi mesi, per poter immettere negli uffici pubblici e, soprattutto negli ospedali, i lavoratori che prenderanno il posto dei futuri pensionati del pubblico impiego;
  • una novità importante riguarda i docenti e il personale impiegato nella scuola. Per l'accesso alle pensioni anticipate a quota 100, infatti, i lavoratori della scuola dovranno far slittare di un anno l'uscita rispetto al momento in cui maturino i requisiti della misura previdenziale.
Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto