Le ultime notizie sulle Pensioni, ad oggi martedì 29 gennaio 2019, riguardano la firma del Presidente della Repubblica, Mattarella, al decretone riguardante le pensioni e il reddito di cittadinanza. Ora il decreto che, sul piano previdenziale, vedrà l'avvio della misura di anticipo pensionistico Quota 100, comincerà il suo iter parlamentare dal Senato: i tempi obbligati per la conversione in legge, vale a dire 60 giorni, faranno sì che la discussione relative alle modifiche da apportare al testo possa essere al quanto serrata.

Pubblicità

Decreto pensioni e reddito cittadinanza, parte l'iter parlamentare

Come riportato dal quotidiano economico 'Il Sole 24 Ore', le modifiche al decretone sono già sulla rampa di lancio, ad iniziare dall'aumento da 45 a 50 anni della soglia anagrafica per poter usufruire del riscatto di laurea. Inoltre, la Lega insisterà per innalzare il limite per l'anticipo del trattamento di fine servizio dei dipendenti della Pubblica Amministrazione, attraverso l'annunciato finanziamento delle banche. Il partito del Carroccio spera di poter portare tale limite a quota 40-45mila, contro i 30mila attualmente indicati.

Un altro nodo da sciogliere, anche questo particolarmente caro alla Lega, è quello relativo agli assegni a favore dei disabili, un punto che aveva provocato contrasti all'interno della maggioranza di governo: l'elemento chiave, naturalmente, saranno le coperture finanziarie.

Quota 100, circolare Inps in arrivo

In attesa del confronto parlamentare, il ministero del Lavoro e l'Inps stanno mettendo a punto la prima grande circolare che verrà diffusa dall'Istituto Nazionale di Previdenza Sociale, quella che darà il via effettivo ai nuovi strumenti per la flessibilità pensionistica.

Pubblicità

Il principale, come noto, è Quota 100 con il doppio requisito 62 anni di età anagrafica+38 anni di contributi: oltre alla nuova misura, ricordiamo le proroghe di Opzione Donna e Ape Sociale, oltre alle uscite a 41 anni per i precoci e a 42 anni e 10 mesi per gli altri lavoratori con la novità del posticipo di tre mesi, novità che riguarderà tutte le nuove pensioni 2019.

Inps, altre due circolari subito dopo Quota 100

'Il Sole 24 ore', a proposito del piano Inps post decretone, sottolinea come l'Istituto Nazionale di Previdenza Sociale, una volta partito l'esame delle domande per Quota 100, pubblicherà altre due circolari: la prima riguarda la regolamentazione del nuovo meccanismo riguardante la rivalutazione delle pensioni, meccanismo che si articolerà su cinque fasce; la seconda circolare, invece, riguarderà i tagli sulla quota contributiva delle pensioni con importo più alto.

Per quanto riguarda la rivalutazione delle pensioni, questa dovrebbe scattare ad aprile, mentre per quanto concerne il nuovo contributo di solidarietà, questo dovrebbe partire nel mese di marzo e varierà a seconda degli scaglioni.