Si passa da 6.000 a 3.000 navigator secondo l'intesa raggiunta ieri tra governo e Regioni. Il governatore della Regione Liguria Giovanni Toti ha spiegato che questo numero sarà più facilmente gestibile dalle singole Regioni e prevede già un rialzo in seguito ai concorsi e alle effettive assunzioni. Le stesse Regioni attendono ora un piano nazionale in cui vengano riportati modalità di inserimento e compiti dei navigator all'interno dei centri per l'impiego.

Navigator e centri per l'impiego

Saranno dunque 3.000 i futuri navigator che verranno assunti con contratto di collaboratore per assistere i beneficiari del reddito di cittadinanza.

La coordinatrice degli assessori al lavoro delle Regioni Cristina Grieco ha precisato che navigator e lavoratore del centro per l'impiego non saranno due professioni sovrapponibili; aggiunge, poi, che si tratterà di lavoratori precari, in una sorta di fase transitoria dalla quale usciranno (con esperienza) una volta indetti i concorsi. Su questo punto, l'Anpal ha chiarito che si partirà con 60mila candidati, selezionati secondo la votazione ottenuta alla laurea, i quali saranno sottoposti a un test a risposta multipla; questo farà si che si filtreranno i candidati a partire dal voto più alto (110 e lode).

Per il momento, le lauree richieste per accedere al concorso sono Giurisprudenza, Scienze politiche, Economia e Scienze della formazione.

Problemi tecnici

In attesa di ulteriori notizie, i tenici della commissione Bilancio chiedono dettagli sul numero, sui costi e sull'inquadramento della figura del navigator. Secondo la commissione, si dovrebbe acquisire un numero di destinatari e un costo in relazione al profilo di inquadramento, tenendo conto della correlazione in termini giuridico-economici con categorie e fasce di dipendenti pubblici.

Ad oggi, infatti, manca il bando con i requisiti previsti per chi vuole partecipare alla selezione e con dettagli sul compenso. Su questo punto si dovrà trovare un ulteriore accordo con le Regioni, che sono quelle che gestiscono i centri per l'impiego nei quali i navigator saranno operativi. E anche se sia il ministro Di Maio sia il governatore Toti si dicono ottimisti, il presidente dell'Anpal Parisi non sembra convinto e lascia alla speranza il raggiungimento di questo accordo, che dovrà avvenire necessariamente entro giovedì, quando il testo del 'decretone' finirà il suo passaggio in Commissione alla Camera per seguire l'iter Camera-Senato.

Segui la pagina Politica
Segui
Segui la pagina Concorsi Pubblici
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!