Non solo riforma delle Pensioni, con l’analisi dei dati e degli effetti della nuova formula Quota 100 per l’uscita anticipata e l’ipotesi Quota 41 e proroga Opzione donna che dovrebbero trovare spazio nella legge di Bilancio 2020 che sarà varata in autunno, come continuano ad assicurare autorevoli esponenti di governo a partire dal vicepremier leghista Matteo Salvini. Ad animare in queste ore il dibattito politico, economico e sindacale anche il taglio agli assegni d’oro, una sforbiciata ai privilegi previdenziali di cui tanto si sta parlando in questa legislatura durante la quale sono stati tagliati, peraltro, i vitalizi agli ex parlamentari.

Pensioni, Fraccaro: ‘Governo cancellerà privilegi dei rappresentanti sindacali’

Stavolta ad essere prese di mira sono le pensioni dei sindacalisti, se ne è parlato oggi durante il question time al Senato della Repubblica. E sembra più che un’idea, ma qualcosa che già starebbe prendendo forma: ci stanno già lavorando concretamente il Ministero del Lavoro guidato da Luigi Di Maio e l’Istituto nazionale per la previdenza sociale presieduto da Pasquale Tridico. "In tempi brevi, brevissimi - ha detto il Ministro per i Rapporti con il Parlamento, Riccardo Fraccaro - questo governo eliminerà anche questo privilegio".

Così l’autorevole esponente dell’esecutivo gialloverde guidato dal premier Giuseppe Conte, oggi nell’aula di Palazzo Madama - al posto del Ministro del Lavoro Luigi Di Maio – ha risposto a un’interrogazione parlamentare sui trattamenti pensionistici dei rappresentanti delle diverse organizzazioni sindacali.

‘Sarà eliminata la disparità di trattamento tra sindacalisti e lavoratori’

Avanti dunque con i tagli alle pensioni alte e ai privilegi vari, uno dei cavalli di battaglia del Movimento 5 stelle oggi al governo insieme alla Lega.

Davvero te la sei persa?
Clicca il bottone sotto per rimanere aggiornato sulle news che non puoi perdere, non appena succedono.
Pensioni

"Si conferma la volontà – ha detto Fraccaro - di superare quelli che, a tutti gli effetti, rappresentano privilegi inaccettabili e di eliminare – ha sottolineato il Ministro pentastellato - la disparità di trattamento tra sindacalisti e lavoratori". Il governo e l’Istituto nazionale per la previdenza sociale sono già al lavoro in questa direzione, secondo quanto ha riferito oggi nell’aula del Senato il Ministro per i Rapporti con il Parlamento. "Il Ministero del Lavoro, insieme all'Inps sta mettendo a punto i dettagli tecnici per riformare questa materia”.

Altra carne al fuoco sul fronte dei tagli agli assegni d’oro mentre in vista della nuova manovra economica e finanziaria per il 2020 cresce l’attesa per altre novità previdenziali, a partire da nuovi elementi di flessibilità in uscita dal lavoro che favoriscano l’accesso alla pensione in anticipo rispetto all’età pensionabile attualmente previste dalla legge Fornero e dalla Quota 100, ovvero 67 anni (più un minimo di 20 anni di contributi versati) nel primo caso e 62 anni (più 38 anni di contributi) nel secondo caso.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto