Il Ministero della Salute invita tutti coloro che hanno conseguito il diploma di laurea specialistica, con un'elevata e documentata preparazione ed esperienza sia di carattere tecnico-scientifico nell'ambito dei farmaci, sia in materia organizzativa, ad esibire una dimostrazione di interesse a svolgere il ruolo di direttore generale dell'Agenzia Italiana del Farmaco-Aifa. Tale incarico sarà disponibile a partire da lunedì 9 dicembre 2019.

Si fa presente che la carica di direttore generale dell'Aifa verrà assegnata dal Ministero della Salute.

Come fare application e ulteriori informazioni

La domanda di ammissione per tale procedimento pubblico deve essere inoltrata mediante posta elettronica certificata alla successiva casella PEC: avvisoaifa @ postacert.sanita.it entro le ore 18:00 di venerdì 15 novembre 2019. L'email dovrà essere provvista del proprio curriculum vitae, una copia della carta di identità in vigore e di una conferma sulla inesistenza di fattori di incompatibilità.

Che cosa garantisce l'Aifa

L'Agenzia in questione inizia i suoi servizi nel mese di luglio dell'anno 2004.

Tale ente ha il compito di approvare l'accessibilità del farmaco e il suo utilizzo provato e opportuno come mezzo di tutela per la salute, avvalla l'unione nazionale delle regole farmaceutiche di accordo con le regioni e semplifica i processi di registrazione, per consentire un'entrata rapida ai nuovi farmaci e ai farmaci destinati alle patologie rare.

Inoltre agevola e gratifica le attività finanziarie per la ricerca e sviluppo (R&S) nel nostro paese, sostenendo e riconoscendo il rinnovamento, dialogando e interagendo con le persone delle associazioni dei pazienti e con il mondo medico-scientifico e delle società che producono e distribuiscono i farmaci.

Davvero te la sei persa?
Clicca il bottone sotto per rimanere aggiornato sulle news che non puoi perdere, non appena succedono.
Offerte Di Lavoro Concorsi Pubblici

L'Aifa si serve di banche dati e di rappresentanti per monitorare ed esaminare il consumo dei medicinali su tutto il territorio italiano, effettua il controllo continuo dei test clinici autorizzati dalle commissioni etiche locali e aggiunge le indicazioni provenienti dalla rete nazionale di farmacovigilanza che non è altro che un network che implica non solo l'Agenzia ma anche le regioni e le province autonome di Bolzano e Trento, 112 istituti ospedalieri, 204 unità sanitarie locali, 561 ditte farmaceutiche e 38 organismi di ricerca e cura di natura scientifica.

Da non dimenticare che l'Agenzia Italiana del Farmaco è peraltro anche il maggior contatto esecutivo con il centro di Uppsala e con la rete EudraVigilance per il controllo regolare a livello internazionale dei farmaci dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms).

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto