Attualmente, il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali ha indetto un concorso pubblico per esami per il conferimento di 10 posti di funzionario amministrativo nella carica del dipartimento dell'ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressione frodi dei prodotti agroalimentari, di cui 4 posizioni destinate all'amministrazione centrale, 2 collocazioni presso l'ufficio ICQRF nord-ovest (una nella sede di Torino e una nell'area di Asti), un impiego tramite l'ufficio ICQRF nord-est (zona di Conegliano-Susegana), una ubicazione mediante l'ufficio ICQRF Toscana e Umbria (località Firenze), una sistemazione attraverso l'ufficio Italia meridionale (sede di Napoli) e un incarico presso l'ufficio ICQRF Sicilia (area di Palermo).

Qualifiche professionali di accesso

I candidati ideali hanno conseguito la laurea (L) in scienze giuridiche, economiche, politiche, dell'amministrazione, statistica, sociologia ovvero il diploma di laurea (DL) in giurisprudenza, economia e commercio, scienze politiche ossia la laurea specialistica (LS) in finanza, scienze sociali, economico-aziendali, studi europei ovvero la laurea magistrale (LM) in servizio sociale e politiche sociali, scienze della politica.

Inoltre, è necessario risultare cittadini italiani o europei, avere il diritto di voto elettorale, possedere l'idoneità fisica al lavoro, detenere una posizione a norma di legge riguardo il servizio militare e non aver riportato condanne penali o carichi pendenti.

Prove d'esame

Il concorso pubblico prevede lo svolgimento di due esami scritti che vertono nella compilazione di uno o più elaborati vale a dire nell'assegnazione di una sequenza di quesiti a risposta sintetica che consistono in diritto amministrativo, contabilità di Stato e diritto dell'UE (compresa la politica agricola comune), nelle norme sulla produzione e sulla distribuzione dei prodotti agroalimentari come pure dei prodotti di qualità registrata (DOP-IGP e agricoltura biologica).

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Offerte Di Lavoro Concorsi Pubblici

La commissione esaminatrice applica ad ogni test scritto una votazione massima di 30 punti. Potranno accedere alla prova orale i concorrenti che hanno ottenuto in ciascun esame un punteggio minimo di 21/30 punti.

Il test orale stabilisce un colloquio sugli stessi temi delle prove scritte e non solo ma anche sull'economia agraria, sulle tecniche di gestione della qualità ovvero sulla certificazione dei prodotti, dei criteri e dei servizi, con allusione alla normativa ISO-IEC 17065:2012, sui principi di diritto penale rivolto ai reati alimentari, sui principi di diritto processuale penale riguardo gli atti e i poteri di polizia giudiziaria, procedura di irrogazione delle sanzioni amministrative, pianificazione e attività dell'ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressione frodi dei prodotti agroalimentari, accertamento delle competenze degli applicativi informatici e dei sistemi di comunicazione, test sulla padronanza della lingua inglese mediante dialogo, traduzione e lettura di uno scritto tecnico giuridico. Anche in questo caso, l'esame orale è inteso superato con una votazione non al di sotto di 21/30 punti.

Come fare application e modalità

La domanda di ammissione al concorso deve essere redatta e inoltrata con sistema telematico utilizzando esclusivamente l'apposita applicazione accessibile sulla pagina internet istituzionale del ''Mipaaf'' entro le ore 23:59 di giovedì 5 dicembre 2019.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto