Quota 100 è una misura molto costosa, rivolta a una platea ristretta di persone, che non risolve i problemi della maggioranza ed è quindi destinata a finire. Questo il riassunto delle parole pronunciate ieri, lunedì 3 febbraio, dal ministro dell'Economia Roberto Gualtieri, intervistato in esclusiva da Nicola Porro per la trasmissione Quarta Repubblica in onda su Rete 4.

Tanti gli argomenti sviscerati durante la conversazione, tutti relativi ovviamente alla Politica economica: dalle tasse al reddito di cittadinanza passando, appunto, per le tanto discusse pensioni con Quota 100.

Approfondiamo nel dettaglio le parole del ministro Gualtieri sulla riforma Pensioni e sulle altre tematiche economiche.

Quota 100 destinata a finire, ma non prima della scadenza

Ospite del programma di Rete 4, Quarta Repubblica, il ministro dell'Economia Roberto Gualtieri si è lasciato andare a dichiarazioni importanti su numerosi argomenti relativi alla politica economica. Il titolare del Tesoro ha parlato con Nicola Porro di lotta all'evasione, di riforma fiscale, esprimendo l'ambizione di ridurre le tasse e semplificare il sistema, con interventi che partiranno dall'Irpef e dai redditi più bassi.

Il ministro ha poi manifestato la sua contrarietà alla flat tax, considerata economicamente insostenibile; ha promosso il reddito di cittadinanza, come misura universale di sostegno alla povertà di cui non si può fare a meno, ma che va certamente migliorata.

Non ha lesinato dichiarazioni neppure sulla riforma pensioni e, in particolare, sulla pensione anticipata con Quota 100, che arriverà giustamente alla naturale scadenza ma che, secondo il titolare del dicastero economico, non dovrà essere rinnovata.

Le parole del ministro Gualtieri sulle pensioni con Quota 100

Non ha usato mezzi termini, Roberto Gualtieri, nel definire Quota 100 una misura poco 'equilibrata' che 'non ha risolto i problemi di molte categorie di persone come i giovani e le donne' e che 'ha concentrato molte risorse su una platea molto ristretta di persone'. Secondo il ministro dell'Economia, 'ci si troverà con un grosso scalone'.

Il ministro ha inoltre tenuto a sottolineare che, in ogni caso, le pensioni anticipate stanno 'tirando poco' e che questo sta dunque determinando la presenza di 'risparmi aggiuntivi per le casse dello Stato'.

Nuova riforma pensioni per superare la Fornero e Quota 100

Dopo aver ribadito, come riportato anche precedentemente, che non sarebbe comunque giusto eliminare Quota 100 prima della sua naturale scadenza, che ricordiamo avverrà nel 2021, il ministro Gualtieri ha precisato qual è l'attuale obiettivo del Governo; auspicando che dal tavolo di discussione avviato con le parti sociali si possa arrivare a formulare una nuova riforma pensioni, che superi una volta per tutte la legge Fornero e che garantisca una flessibilità in uscita diversa da Quota 100.

Segui la pagina Pensioni
Segui
Segui la pagina Politica
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!