Secondo Il Sole 24 Ore, nei prossimi giorni Il Governo dovrebbe varare il provvedimento di maggio, ribattezzato Decreto Rilancio e non più Decreto Maggio, contenente tutte le misure di sostegno al lavoro, all'impresa e alle famiglie con cui l'esecutivo punta a soddisfare le aspettative di diversi comparti dell'economia italiana, ancora in attesa delle misure previste per il mese di aprile 2020. Per i nuclei familiari con Isee inferiore a 35.000 è allo studio un credito di imposta per il pagamento di servizi turistici in ambito nazionale, e un bonus baby sitting aumentato da 600 a 1.200 euro estendibile anche alle strutture estive.

Tra le misure a sostegno della famiglia, inoltre, il Governo prevede di stanziare altri 331 milioni di euro per l'anno 2020 per il fondo a sostegno della scuola e l'educazione, e 150 milioni di euro per un 'Fondo emergenze imprese e istituzioni culturali' a supporto di librerie, case editrici, musei e luoghi di cultura.

Il Decreto di maggio estende la platea dei beneficiari

Per i liberi professionisti titolari di partita Iva e gli iscritti alla Gestione separata dell’Inps, che hanno percepito i 600 euro previsti a marzo per effetto del Cura Italia, dovrebbe essere riassegnato automaticamente per il mese di aprile, mentre a maggio il Governo potrebbe aumentarlo fino a 1.000 euro. Il bonus potrà essere erogato a condizione che sussista una perdita di almeno il 33% del reddito del secondo trimestre 2020, da individuarsi secondo il principio di cassa come differenza tra i ricavi e i compensi percepiti e le spese effettivamente sostenute nel periodo interessato nell’esercizio dell’attività.

Anche ai Co.co.co sarà riconosciuta un'indennità di 1.000 euro, purché risultino iscritti esclusivamente alla Gestione Separata e si trattini rapporti di lavoro la cui durata non si protrae oltre il 31 dicembre 2020, o che abbiano cessato il rapporto lavorativo entro la data di entrata in vigore del decreto di maggio.

Per i lavoratori del settore turismo aumento fino a 1.000 euro

Aumento del bonus a 1.000 euro anche per i lavoratori di un comparto, come quello del turismo, colpito duramente dal Coronavirus. I lavoratori vi avranno accesso a condizione che abbiano cessato involontariamente il rapporto di lavoro nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2019 e la data di entrata in vigore del decreto Maggio, che non siano titolari di pensione e che non siano titolari dell’indennità di disoccupazione NASpI, sempre alla data di entrata in vigore del decreto Maggio.

Per tutti i lavoratori autonomi, la domanda dovrà essere inoltrata all'Inps con autocertificazione della perdita del 33% del fatturato a causa del lockdown e, in seguito ad un riscontro con l’Agenzia delle entrate, l’Inps avvierà quindi la procedura di liquidazione del bonus.

Segui la pagina Coronavirus
Segui
Segui la pagina Politica
Segui
Segui la pagina M5S
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!