La vita è spesso definita come una "strada", per prendere in prestito il termine da Tom Cochrane, e ciò per la nuova generazione non è affatto cambiato. "Oggi agli adulti manca un percorso ben definito", scrive Steven Mintz nel suo prossimo libro The Prime of Life. "Oggi gli individui devono definire o negoziare i loro ruoli e le loro relazioni, senza regole o precedenti chiari da seguire".

Questo è particolarmente vero per i Millennials (ragazzi del nuovo millennio), che sono il prodotto di una terribile economia che ha richiesto di premere il pulsante di emergenza nella loro vita. Sta diventando evidente, però, che gli è stata data una tabella di marcia per una strada sulla quale non corrono nemmeno per poi venire incolpati di prendere la direzione sbagliata.

L'opinione di uno dei Millennials

Zach Stafford, scrittore del The Guardian, dice: "Recentemente ho compiuto 25 anni e sto fallendo ad essere un adulto. Io non mi vedo ad acquistare una casa o investire in immobili, così come non vorrei avere figli, perché onestamente non so come riuscirò a mangiare tutti i giorni, figuriamoci con un bambino. E l'unica persona che voglio sposare è il barista del bar vicino casa mia, ma non gli ho nemmeno detto il mio nome.

Tradizionalmente, entro i 25 ci si aspetta di avere compiuto, o almeno quasi realizzato, cinque pilastri dell'età adulta: avere figli, la laurea, sposarsi, intraprendere una carriera e acquistare una casa. Non c'è da meravigliarsi che, al passare dei 25, mi trovi ad aver ansie quotidiane per non essere il tipo di adulto che i miei genitori o nonni erano. La grande recessione ci ha fatto tornare a casa come un boomerang o rimanere a scuola per restare a galla durante la tempesta. Mentre questa situazione sembra farci aggrappare troppo ai genitori o ad altri sistemi di supporto, non è come se i Millennials non ci provassero. Voglio dire, onestamente, chi non vorrebbe essere completamente indipendente? Noi non siamo dei fallimenti assoluti, siamo solo in ritardo e non è davvero colpa nostra.


In superficie, questa nuova età adulta può sembrare egoista e narcisista. Nonostante sia d'accordo sul fatto che la mia generazione possa essere un po' auto-ossessionata, principalmente per l'avvento dei social media, questa nuova età adulta potenzialmente potrebbe creare un mondo migliore. Secondo la serie di studi del Centro Ricerca Pew chiamata Millennials, un ritratto di una nuova generazione, noi siamo un gruppo che ha fiducia, unito e aperto al cambiamento, anche di fronte a molte avversità, ma in ritardo di maturazione.


Lo stesso studio ha trovato che siamo più razzialmente ed etnicamente diversificati, liberali, e, anche se il 37% di noi non ha un impiego, nove su dieci hanno abbastanza soldi per soddisfare almeno i propri obiettivi finanziari. Quindi, non importa cosa pensiate dei Millennials, l'età adulta è ufficialmente in ritardo senza mostrar alcun segno di ritornare agli standard del 1960. Ci vorrà solo un po' di tempo per la mia generazione per arrivare dove altri erano anni prima di loro. Quindi sedetevi, rilassatevi e godetevi il viaggio. E come la mia mamma diceva mentre guidava: "Ci arriveremo quando ci arriveremo".
Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto