«Onestà, onestà» è stato il grido della folla al passaggio del feretro di Gianroberto Casaleggio, le cui esequie si sono celebrate ieri alla Chiesa di Santa Maria delle Grazie. Una cerimonia strettamente privata: sul portone al mattino si leggevano due cartelli che ricordavano che telecamere e telefoni cellulari non sarebbero stati ammessi. All'interno hanno potuto partecipare alla cerimonia un gruppo ristretto di familiari, amici ed esponenti politici.Toccanti le parole del figlio più piccolo, Francesco: «Ciao papà ci manchi molto.

Non puoi tornare?». Ovviamente più lucide, ma non meno sentite quelle del figlio maggiore Davide: «Era un audace. Aveva l'audacia di vedere il futuro prima degli altri e di crederci chi condivideva il suo sogno a perseguirlo». All'esterno, una piazza gremita, commossa e vogliosa di proseguire il cammino intrapreso dal guru, l'ispiratore del M5S. I membri del direttorio, che hanno brindato al termine della cerimonia,«così come avrebbe voluto Gianroberto», sono stati sopraffatti dai messaggi di sostegno: «Non cambiate, tenete duro!».

Al termine della cerimonia, sul blog di Grillo è comparso un lungo post dal titolo #graziegianroberto, in cui il manager veniva ricordato come "un francescano che amava gli animali e la natura, un uomo semplice e disinteressato con una cultura straordinaria e un profondo senso dell’umorismo. Un manager, un padre, un marito, un mentore, un attivista. Per me un amico".

Le polemiche

Ma non sono mancate le polemiche: fischi sono arrivati all'indirizzo di alcuni esponenti dem, tra cui Lorenzo Guerini ed Emanuele Fiano.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
M5S Pd

«Una lezione di rispetto e civiltà anche per coloro che fischiano» ha twittato, da lontano, il deputato Andrea Romano. L'interessato Guerini, invece, ha cercato di gettare acqua sul fuoco: «Per quanto mi riguarda non è successo nulla.

Una cosa è il confronto tra avversari politici. Altra cosa è il cordoglio che abbiamo voluto esprimere». Un messaggio di unità che pochi in piazza avrebbero sottoscritto.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto