Ci sono serie capaci di fare ridere a crepapelle, altre in grado di aprire la nostra mente sulle tante possibilità che ci offre il progresso scientifico e altre ancora abili a ironizzare sui vizi e sulle contraddizioni della società moderna. Poi c'è Rick and Morty, che riesce a fare tutto questo contemporaneamente e a condire il tutto con un humour politicamente scorretto e al limite del demenziale, che però sa trasformarsi in pochi secondi in toccante e malinconica analisi delle più profonde debolezze del genere umano.

Un piccolo capolavoro animato che è riduttivo definire di fantascienza, un allucinato e allucinante incrocio fra Doctor Who, I Griffin e lo sconfinato mondo dei B-movie, visione praticamente obbligatoria se siete abbonati Netflix.

La serie racconta le avventure di Rick e Morty (entrambi magistralmente doppiati dall'ideatore della serie Justin Roiland), geniale e bizzarro scienziato di terza età il primo e nipote adolescente, timido e impacciato il secondo.

Rick è da poco andato a vivere con la famiglia di sua figlia Beth (doppiata da Sarah Chalke di Scrubs e How I Met Your Mother), che oltre a Morty comprende anche il suo mediocre marito Jerry e la scontrosa diciassettenne Summer. Rick impiega il suo tempo nell'ideazione e nella costruzione di avveniristici gadget tecnologici e in folli scorribande in altri pianeti e in realtà parallele, che coinvolgono anche Morty e il resto della famiglia. Di seguito vi elenchiamo i motivi per cui Rick and Morty è una serie assolutamente imperdibile.

La fantascienza al servizio del grottesco

Rick and Morty poggia le sue basi su una sincera e inarrestabile passione per un genere troppo spesso sottovalutato come quello della fantascienza, che viene declinata in ogni sua sfumatura: da quella più conosciuta e popolare (i due protagonisti nascono come parodia di Doc e Marty di Ritorno al futuro e le puntate sono strutturate in forma simile a quella di Doctor Who) a quella più ricercata in stile Ai confini della realtà, passando per frequenti omaggi ai B-movie fantascientifici degli anni '50 e '60 e arrivando a sfumature degne di Cronenberg e Lovecraft, che, pur in un contesto umoristico e paradossale, a tratti trasformano la serie in un vero e proprio cosmic horror.

Fra realtà alternative, mondi agli antipodi del nostro, temporalità impazzite e creature di ogni forma e caratteristica, gli appassionati di Sci-Fi trovano in ogni puntata pane per i loro denti e acqua fresca per la loro sete di viaggi ai confini della conoscenza umana.

Parodie e citazioni

Pur sviluppando una trama completamente indipendente e originale, Rick and Morty fa un uso misurato e intelligente di parodie e citazioni ad altre opere del passato e del presente della narrazione audiovisiva.

Capita quindi di trovarsi immersi in un'esilarante concatenazione di sogni in stile Inception, con un livello abitato da un mostro simile in tutto e per tutto al re dell'incubo Freddy Krueger, ma anche di viaggiare in un pianeta viene celebrata la stessa notte dello sfogo presente nei film della serie La notte del giudizio. Ogni episodio è disseminato di piccoli e grandi omaggi a pellicole dei più disparati generi: da Titanic a Jurassic Park, passando per Cose preziose e Il tagliaerbe e arrivando a un'intera puntata strutturata sui tipici plot twist del cinema di M. Night Shyamalan, Rick and Morty diventa per lo spettatore una vera e propria caccia al tesoro ai disparati riferimenti alla cultura popolare.

L'umorismo politicamente scorretto

Seguendo la scia di pietre miliari dell'animazione come South Park o I Griffin, Rick and Morty mette in scena un umorismo dissacrante e politicamente scorretto, che non conosce alcun tabù. Fra l'imperante nichilismo e un'incalzante sociopatia, ci si trova davanti a pianeti ridotti in schiavitù per generare energia, attività di contrabbando eseguite tramite l'ano del piccolo Morty e addirittura una miscela genetica di Adolf Hitler e Abraham Lincoln, parallelamente a continue morti violente e immotivate e alla satira su qualsiasi disagio giovanile o sociale. Una comicità spiazzante, corrosiva e sicuramente non sopportabile da tutte le tipologie di spettatore, che veicola una forte critica alla società contemporanea e alla sua crescente disgregazione.

Nulla è impossibile

La sfrenatezza e l'eccesso della serie portano a rendere praticamente imprevedibili gli sviluppi delle varie puntate. Non esistono regole fisiche e temporali, e anche la morte può essere tranquillamente aggirata con il rimpiazzo di un personaggio con un altro omologo proveniente da una realtà alternativa. In una contemporaneità seriale che sforna spesso canovacci piatti e scontati e soluzioni narrative ormai trite e ritrite, Rick and Morty si distingue così per l'abilità degli autori Dan Harmon e Justin Roiland nel proporre storie fresche e originali, che chiudono perfettamente il proprio arco narrativo in soli 20 minuti, portando contemporaneamente avanti una caratterizzazione coerente e unitaria dei protagonisti e della moltitudine di esilaranti personaggi secondari abitanti di questo folle universo.

Lo sviluppo dei personaggi

Il nome di Dan Harmon è conosciuto da molti come la mente dietro a quella gemma della servilità contemporanea che è Community, mai troppo citata serie da lui creata e conclusa dopo sei stagioni dopo un allontanamento a causa di divergenze creative e umane con il resto della produzione. Come accadeva in Community, anche in Rick and Morty l'umorismo e il senso del grottesco si fondono perfettamente con uno sviluppo solido e concreto dei personaggi, fatto di tanti piccoli tasselli che delineano quadri sorprendentemente complessi e tridimensionali. In mezzo a tante risate si affaccia così in modo sottile, ma nettamente percepibile, una malinconia di fondo, che trova il suo apice nella puntata finale della seconda stagione, fondamentale per cogliere alcune sfumature profonde del personaggio di Rick.

Sperando di avervi dato abbastanza spunti per intraprendere questo improbabile e appassionante viaggio, vi ricordiamo che le prime due stagioni di Rick and Morty sono attualmente visibili su Netflix, mentre la terza è ora in onda negli Stati Uniti sul canale Adult Swim.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto