"Chi mi critica ha sfasciato l'Ulivo". Volano gli stracci fra il Presidente del Consiglio Matteo Renzi e l'ex segretario del Partito Democratico Pierluigi Bersani, che non ha gradito per nulla la dichiarazione fatta ieri a Roma dal Premier, durante un suo intervento alla scuola di formazione politica del Pd. Da Perugia, dove la minoranza DEM era riunita per incoronare ufficialmente Roberto Speranza a leader della Sinistra Riformista, l'ex capo del governo ha risposto in maniera piccata all'ennesima provocazione renziana: "Non si può dire in una scuola di formazione politica e davanti a tanti giovani che abbiamo distrutto l'Ulivo e aiutato a vincere i nostri avversari.

Silvio Berlusconi l'abbiamo battuto tre volte e non si dimentichi che Renzi sta governando facilmente grazie ai molti o pochi voti che io e tutta la coalizione di centrosinistra abbiamo preso alle scorse elezioni. Noi stiamo cercando di tenere dentro il partito, democratici e democratiche che non hanno più voglia di starci. Il segretario deve fare sintesi, non premere perché parte di esso si distacchi e percorra una strada diversa".

Speranza, D'Alema, Cuperlo, Orfini e la Serracchiani

Roberto Speranza nel suo intervento conclusivo alla kermesse perugina, ha ribadito che la propria corrente non ha nessuna intenzione di abbandonare il partito: "Senza la nostra presenza e i nostri contributi il PD si trasformerebbe in qualcos'altro". Massimo D'Alemanon ha nascosto di essere spaventato dalle prospettive neo-centriste di Matteo Renzi che in tanti fanno fatica a capire e ad accettare.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Pd Matteo Renzi

Per GianniCuperlo il 'rottamatore' ha interrotto la sua 'rottamazione' sulla soglia di Palazzo Chigi, spalancando le porte ad opportunisti e trasformisti della prima e ultima ora. La replica della segreteria DEM, affidata a Gianni Orfini e a Debora Serracchiani non si è fatta attendere. I due hanno ribadito con fermezza che quando i risultati del governo varcano i confini nazionali, il Partito Democratico viene considerato il più a sinistra d'Europa, per diventare di destra una volta che si rientra in Italia, perdendosi in inutili, sterili e incomprensibili discussioni.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto