Il 9 ottobre a St. Louise, in Missouri, ci sarà un nuovo confronto televisivo tra i due candidati alla presidenza negli Usa. Intanto, i sondaggi danno sempre più in vantaggio hillary clinton, data al 42% contro il 36% di Donald Trump, che però potrebbe beneficiare dell’esito del dibattito in tv tra i due candidati vicepresidenti: secondo gli analisti, infatti, il possibile vice del tycoon Mike Pence si sarebbe imposto su Tim Kaine, candidato vice di Hillary Clinton. Come? Con pacatezza e abilità nel replicare alla tattica aggressiva dell’avversario, nonché negando una serie di misfatti riguardanti Trump e definendo la campagna della Clinton “una valanga di insulti”.

Un duello che, come da tradizione, non sposta di molto gli equilibri, quindi Hillary resta sulla rampa di lancio, anche a seguito delle ultime rivelazioni su Trump, come la sua presunta evasione fiscale per quasi 20 anni. Secondo FiveThirtyEight, poi, Clinton ha il 72,8% di probabilità di vittoria, contro il 27,4% di Trump. Il New York Times, invece, indica i tre stati su cui si potrebbe giocare la partita decisiva: Florida, Ohio e Pennsylvania. Ma, partendo dal presupposto che i due candidati riescano ad imporsi negli Stai in cui sono favoriti, a Trump servirebbe spuntarla anche in North Carolina.