L'innata vocazione scissionista della sinistra italiana partorisce un nuovo figlio. Non chiamatela 'Cosa Rossa', come ha ribadito il prescelto front-man e candidato leader, l'attuale presidente del Senato, Pietro Grasso. Una designazione obbligata ed obbligatoria per un personaggio politico di peso e di prestigio, l'anti-Renzi ma non anti-PD, inteso come il vecchio PD nell'epoca precedente all'ex 'rottamatore'.

Le forze politiche che convergeranno nella nuova creatura, al contrario, puntano a 'rottamare' il 'renzismo' ed a ripristinare alcuni valori che, secondo i diretti interessati, si sono persi per strada.

"Una proposta per l'Italia con Grasso come garante"

Il nome non è ancora certo, si dovrebbe chiamare secondo le ultime indiscrezioni "Liberi e uguali", ma il simbolo che sarà portato alle Elezioni politiche del prossimo anno conterrà la formula "con Grasso presidente".

Al suo interno numerosi big della sinistra come D'Alema, Bersani e Vendola, a conti fatti il nuovo soggetto politico nasce dall'unione di Mdp, Sinistra Italiana e Possibile, sancito dall'intesa tra i rispettivi segretari Roberto Speranza, Nicola Fratoianni e Giuseppe Civati. Ma, come spiegano i fautori di questa iniziativa, "non si tratta di una proposta personale o un cartello delle sinistre radicali, bensì una proposta per l'Italia che ha Grasso come garante".

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Elezioni Politiche

Dopo la presentazione ufficiale in programma il 3 dicembre, il nuovo leader appronterà una struttura organizzativa ed inizierà un tour per l'Italia. Spetterà a Pietro Grasso il compito di dare il beneplacet alle liste e ad indicare almeno cinque o sei candidati scelti tra la società civile.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto