Ogni volta che si avvicinano le votazioni, i rappresentanti politici promettono maggior benessere per tutti ed anche con le Elezioni 2018 non fanno eccezione. Vediamo quali sono i principali gruppi politici, da chi sono capeggiati e che cosa faranno qualora dovessero ottenere spazio in Parlamento. Tra gli argomenti più dibattuti tasse e Pensioni, ma non mancano programmi pro o contro le immigrazioni e le centinaia di leggi inutili che rendono la burocrazia italiana un vero e proprio ginepraio. Migliorare la Pubblica Amministrazione, rendere la vita dei cittadini più dignitosa, riformare le pensioni e aumentare il lavoro lo promettono un po’ tutti, ma ecco nel dettaglio che cosa propongono i vari movimenti dal punto di vista economico.

Il Centrodestra vorrebbe eliminare molte tasse

I principali gruppi politici che si sfideranno per portare candidati al Parlamento sono il Movimento Cinque Stelle, il Centrosinistra con il PD, il Centrodestra, le coalizioni Liberi e Uguali e +Europa. La coalizione di Centrodestra formata da Fratelli d’Italia, Lega Nord e Forza Italia, rappresentate rispettivamente da Giorgia Meloni, Matteo Salvini e Silvio Berlusconi, propone maggiore attenzione alla famiglia, immigrazione più regolamentata e soprattutto riduzione delle tasse. La proposta più interessante è quella di introdurre un’aliquota unica sia per le famiglie che per le imprese, creare una “no tax area” e abbassare numerose imposte: addio alla tassa di successione, al bollo sulla macchina, alle tasse sulla prima casa e a quelle sulle donazioni.

Il Centrodestra vorrebbe creare piani speciali per migliorare le infrastrutture del Mezzogiorno e un maggior controllo sull’immigrazione, rimpatriando i clandestini e stipulando trattati con i paesi dai quali provengono gli immigrati. Altre proposte anti povertà sono l’aumento delle pensioni minime e il raddoppio delle pensioni di invalidità, pensioni alle mamme ed eliminazione della legge Fornero con una riforma previdenziale completa.

Addio vitalizi ai politici e pensioni più alte

Per le Elezioni del 4 marzo 2018 Luigi Di Maio, a capo del Movimento Cinque Stelle, vorrebbe migliorare la qualità della vita degli italiani eliminando centinaia di leggi inutili, creare nuove figure professionali, investire nelle nuove tecnologie e garantire un reddito di cittadinanza a tutti.

La pensione minima dovrebbe essere di 780 euro netti al mese e 1.170 euro netti al mese per una coppia di pensionati. Nei progetti economici del M5S c’è l’eliminazione delle pensioni d’oro ai parlamentari e a tutti gli sprechi della politica, compresi privilegi e vitalizi, oltre a nessuna tassa per chi ha redditi fino a 10.000 euro. Matteo Renzi, a capo del Partito Democratico, offre un salario minimo per tutti ed una pensione di garanzia per chi ha un lavoro precario o un reddito basso. Vorrebbe anche raddoppiare i fondi per il reddito di inclusione e tutelare i lavoratori a tempo determinato; 80 euro di bonus in regalo non solo in busta paga, ma anche per chi ha la partita Iva e 240 euro di detrazione Irpef per chi ha figli fino a 18 anni.

Pietro Grasso, a capo di Liberi e Uguali, offre occupazione garantita tramite investimenti nella Pubblica Amministrazione, sfoltendo l’infinità di tipi di contratto lavorativo che sono sorti negli ultimi anni. Infine, il programma di +Europa, formato da Forza Europa, Centro Democratico e Radicali Italiani con a capo Emma Bonino, prevede di congelare la spesa pubblica, tagliare le tasse e ridurre la spesa fiscale per le imprese. Secondo la coalizione, il debito pubblico mediante il congelamento della spesa andrebbe in discesa e da metà della legislatura in poi sarà possibile tagliare le tasse e semplificare le norme tributarie, rendendole favorevoli alla crescita economica, conservando la riforma Fornero.

Segui la pagina Pensioni
Segui
Segui la pagina Elezioni Politiche
Segui
Segui la pagina Matteo Renzi
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!