10 Volte Meglio è stata una delle new entry nella scorsa tornata elettorale. L’idea del partito era quella di raccogliere l’insoddisfazione e la voglia di riscatto dei cosiddetti millennials, ossia gli under 35, tramite una formazione che puntasse sui giovani, possibilmente affermati e di successo.

A trainare il gruppo proprio un giovane di successo, Andrea Dusi, imprenditore quarantenne ideatore dei cofanetti Emozioni3, rivenduti per una fortuna a smartbox poco tempo fa.

Cosa ha proposto 10 volte meglio?

13 i punti fondamentali del gruppo politico (come amano definirsi). In alcuni casi, punti abbastanza comuni nei programmi dei vari partiti politici: innovazione, occupazione, merito, educazione, turismo, ambiente, Europa, tecnologia, impresa e ricerca della felicità. Una felicità che il gruppo vede come linea guida dello Stato da loro idealizzato, e che ognuno possa raggiungere attraverso l’autorealizzazione.

Il metodo che hanno scelto per farsi conoscere, è quello della rete e del passaparola. Non una novità, ma di certo un metodo che in altri casi (vedi movimento 5 stelle), a lungo andare, ha prodotto dei risultati notevoli. 10 volte meglio, tra l’altro, si avvale di numerosi giovani esperti proprio nel campo dell’informatica e della comunicazione web.

Cosa si aspettavano da queste elezioni?

Gli esponenti di 10 volte meglio hanno voluto sicuramente far dell’ottimismo uno dei loro punti fondamentali.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
M5S Elezioni Politiche

La loro fonte di ispirazione è stata quella di Ciutadanos e Podemos, movimenti recentemente venuti alla ribalta in Spagna.

L’esperto di Web Marketing Gianluca Comandini, tra i maggiori collaboratori di Dusi, si diceva certo che 10 volte meglio sarebbe potuto essere l’ago della bilancia delle elezioni del 4 marzo, aspettandosi due milioni di voti.

Ma non è andata proprio così. La partecipazione a una competizione elettorale, specialmente se si tratta di Elezioni politiche nazionali, non è cosa facile.

Il gruppo ha avuto difficoltà a presentarsi in tutte le regioni, si è certificata in circa la metà, e si è presentata esclusivamente alla Camera dei Deputati. Sicuramente, se il progetto dovesse andare avanti come sembra essere; il partito continuerà il processo di crescita in vista delle elezioni europee del 2019, insieme -magari- ad altri appuntamenti a livello regionale.

Come è andata realmente?

Le ultime stime prima del voto, davano 10 volte meglio allo 0,3% ovviamente ben lontani dall’essere l’ago della bilancia come profetizzato da Comandini.

Il risultato è stato decisamente più deludente. 10 volte infatti ha raggiunto i 37.325 voti nei collegi uninominali e 36959 come lista. Pari allo 0,11% dei voti nazionali.

Le regioni dove si son presentati sono state: Lombardia, Veneto, Friuli, Liguria, Umbria, Basilicata, Puglia, Abruzzo, Lazio limitatamente alla circoscrizione 1 e Campania limitatamente alla circoscrizione 2.

Il risultato migliore è stato raccolto nella circoscrizione Veneto 2 con 6635 voti, pari allo 0,38%.

Anche in Lombardia 1 si sono superati i 6000 voti, attestandosi per la precisione sui 6486.

In diverse zone, i 10 volte si hanno invece superato quota 3000: Veneto 1, Lazio 1 e Puglia. Soltanto in una regione non sono riusciti a raggiungere il migliaio di voti, in Basilicata, dove si sono arrestati a 738. In termini percentuali invece, mentre la miglior prova rimane quella della circoscrizione Veneto 2, la peggiore si è rivelata essere quella della Lombardia 3 con lo 0,09%.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto