Anche su amnistia e indulto, in linea generale, c’è sintonia tra il Movimento 5 stelle di Luigi Di Maio e la Lega di Matteo Salvini. Lo stesso feeling che tra i due movimenti si registra sulla riforma Pensioni, uno dei temi in primo piano durante la campagna elettorale e ancora nell’agenda politica in vista dell’elezione dei presidenti dei due rami del Parlamento che in attesa della composizione del nuovo governo. No a provvedimenti di clemenza generale, né di tipo ordinario come gli svuota carceri, né di tipo straordinario, come indulto e amnistia.

Pubblicità
Pubblicità

Questa è stata la posizione sia del Movimento 5 stelle che della Lega nel corso della legislatura che si appena conclusa. La questione carceri, com’era prevedibile, non è entrata nella campagna elettorale, tantomeno le misure di clemenza considerate molto impopolari. M5s e Lega promettono più certezza della pena. Questo il quadro generale.

Giustizia, M5s e Lega bocciano riforma carceri del Governo Gentiloni

Oggi, in particolare, sulla questione si esprime il leader pentastellato Luigi Di Maio.

"Se c'è uno che sbaglia – ha detto il candidato premier del Movimento 5 stelle commentando la riforma carceraria appena varata dal consiglio dei ministri ancora presieduto da Paolo Gentiloni - deve pagare e non è quello che stiamo vedendo nelle ultime ore con le ennesime leggi che provano – ha detto criticando l’ennesimo provvedimento ribattezzato svuotacarceri - a mettere fuori dalla galera le persone. Più certezza della pena nel programma del Movimento 5 stelle.

Pubblicità

“Se non c'è posto nelle carceri – ha detto Di Mario durante un incontro con gli imprenditori brianzoli oggi a Carugo (Como) - ne costruiremo di nuove o riapriremo quelle chiuse. Oppure – ha proseguito come riporta l’Ansa - facciamo trattati con i Paesi dei detenuti stranieri”.

Il no ad amnistia e indulto uno dei punti in comune tra Di Maio e Salvini

Il rimpatrio dei detenuti stranieri nei loro paesi di origine è uno dei punti su cui in questi anni ha insistito in particolar modo la Lega di Matteo Salvini, un altro segno della vicinanza di idee e proposte tra i due movimenti che hanno di fatto vinto le elezioni politiche del 4 marzo 2018.

Alcuni accordi internazionali per il rimpatrio sono stati fatti dal governo Renzi, ma la strada da fare è ancora tanta. “Il problema è che per favorire qualche colletto bianco – secondo Luigi Di Maio - sono state fatte leggi che fanno uscire anche qualche criminale". Anche il Carroccio molto critico nei confronti della riforma carceri del Governo Gentiloni. “Con il decreto 'salva ladri' – ha dichiarato la deputata della Lega Barbara Saltamartini - è stato dato il colpo di grazia alla fiducia dei cittadini nella giustizia”.

Pubblicità

Leggi tutto