Si torna al passato guardando al futuro in materia di servizio militare? Il vicepremier Matteo Salvini [VIDEO], anche ministro degli interni nonché leader indiscusso della Lega, vuole reintrodurre il servizio militare per i giovani, e il servizio civile anche per le ragazze, affinché imparino il senso civico che mamma e papà non sono più in grado di insegnare. Questa è la proposta del titolare del dicastero degli Interni per far "imparare" quel senso civico troppo spesso trascurato dalle giovani generazioni. Salvini afferma, difatti, che è allo studio di esperti del governo, una proposta che va in questa direzione. Ma il ministro della Difesa, Elisabetta Trenta, boccia l'idea perché non più in linea coi tempi e le esigenze attuali.

I ragazzi hanno perso il senso del dovere: questo il Salvini pensiero

Durante un comizio elettorale in Puglia, il leader della Lega non ha lesinato rimproveri a quei giovani che dimenticano i doveri e che pretendono solo diritti. Di chi la colpa o le responsabilità? Il vicepremier è convinto che la colpa è anche di mamma e papà, in quanto non più in grado di insegnare ai propri figli il senso civico.

"Vorrei che oltre ai diritti tornassero ad esserci anche i doveri", ha tuonato il ministro degli Interni dal palco del comizio, affermando anche che "facciamo bene a studiare i costi, i tempi ed i modi per valutare se, come e quando reintrodurre il servizio militare e il servizio civile per i nostri ragazzi e le nostre ragazze, così almeno impari un po' di educazione che mamma e papà non sono in grado di insegnarti"

Elisabetta Trenta, titolare del Ministero della Difesa, boccia la "romantica" idea del collega Salvini

Alla proposta del vicepremier non potevano mancare le voci di dissenso.

Reintrodurre il servizio militare per i giovani d'oggi "poco educati" non è piaciuto soprattutto alla pentastellata ministra della difesa Elisabetta Trenta, [VIDEO] la quale ha definito la proposta del collega di governo Matteo Salvini solo "un'idea romantica", non più al passo con i tempi. Il nostro Esercito, sostiene la ministra, è uno dei più professionalizzati al mondo ed ha bisogno di continue esercitazioni per essere impiegato anche in missioni a livello internazionale. A lei fa eco anche il Capo di Stato Maggiore della Difesa, il generale Claudio Graziano, il quale afferma che per partecipare ad operazioni complesse non basta aver fatto il servizio militare, bisogna anche essere addestrati ed essere capaci di operare in ambiti internazionali.

Lega nord e M5s su posizioni opposte? Vedremo presto chi avrà ragione e chi la spunterà, noi seguiremo la vicenda e vi terremo aggiornati. Seguiteci come sempre.