Sono passati più di quaranta giorni dalla tragedia del ponte Morandi di Genova. In barba ai proclami bipartisan rispetto alla tempestività di provvedimenti che sarebbero stati adottati per aiutare gli sfollati, è servito del tempo affinché arrivassero il benestare della Ragioneria generale dello Stato e la firma di Mattarella sul Decreto Genova. Ma proprio ora che il 'grosso' sembra essere stato fatto, il dibattito e le scaramucce politiche anziché placarsi paiono acuirsi. I protagonisti delle polemiche sono il governatore della Liguria Toti ed il ministro Toninelli.

Pubblicità
Pubblicità

Una rivalità divenuta accesa dopo quanto accaduto nel capoluogo ligure che, già nelle scorse settimane, aveva portato alla definizione di "colabrodo" data dall'ex giornalista Mediaset nei confronti del dicastero guidato dall'esponente del Movimento Cinque Stelle.

Toti attacca Toninelli: 'Dignità fa rima con verità'

Il governatore della Liguria Toti non usa giri di parole per rendere pubblico il proprio dissenso rispetto all'operato di Toninelli.

Pubblicità

L'invettiva verte sull'idea, molto discussa, del ministro delle Infrastrutture di immaginare, al posto del ponte Morandi, una struttura analoga, ma multi livello, e dotata di spazi in cui le famiglie potrebbero passare le domeniche. Un'ipotesi che ha scatenato l'ira di molti, ma che, stavolta, tuttavia non è la critica "prevalente" nell'opinione del presidente della Regione. Toti attacca il Decreto Genova su Facebook, sottolineando come non rappresenti una cassaforte in cui i genovesi possono riporre le loro speranze.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
M5S

La motivazione risiederebbe nel fatto che, nell'opinione di Toti, non metterebbe affatto al riparo da eventuali ricorsi e possibili lentezze burocratiche. Per come sarebbe scritto il decreto, Toti dice di "temere tantissimo" queste eventualità. L'attacco più deciso poi si trova nel passaggio in cui viene evidenziato come, per la prima volta nella storia, per riparare i danni si prevedono "trecento milioni dei contribuenti per anticipare i soldi necessari". "Caro ministro - conclude - dignità fa rima con verità. Genova e la Liguria vogliono ascoltare impegni veri".

La risposta di Toninelli arriva da Reggio Calabria

Toninelli ha risposto da Reggio Calabria, dove è attualmente in visita. La replica non è diretta, poiché mai viene citato Toti. "Mi spiace che in Liguria qualcuno stia facendo polemiche sperando di sfruttare una situazione drammatica, quando, in questo momento, stiamo facendo umilmente il nostro lavoro per stare vicino ai genovesi".

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto