Pubblicità
Pubblicità

L'arresto di Cesare Battisti, avvenuto nel fine settimana in Bolivia, ha scatenato molteplici polemiche. A chi si è dichiarato favorevole ad un'amnistia per gli ex terroristi degli anni di piombo, si sono contrapposti coloro - soprattutto tra le fila dell'opposizione - che hanno criticato alcune affermazioni del ministro dell'interno Matteo Salvini nel commentare l'operazione condotta con successo dall'Interpol.

Il vicepresidente del Consiglio è entrato nel mirino di Gennaro Migliore, attualmente deputato del Partito Democratico, già sottosegretario alla Giustizia negli ultimi due governi di centrosinistra guidati da Matteo Renzi e Paolo Gentiloni. Il politico napoletano, infatti, ha affermato di non condividere i toni con cui il leader leghista ha parlato della cattura di Battisti.

Pubblicità

'Dire che Cesare Battisti deve marcire in galera è una cosa sconcia'

Ospite in mattinata del programma di La7 "L'aria che tira", condotto da Myrta Merlino, l'esponente del Pd si è espresso con forte indignazione in merito alle ultime esternazioni di Salvini che, intervenuto nella serata di domenica alla "Scuola di formazione politica" della Lega, ha dichiarato con forza che Cesare Battisti deve marcire in galera.

Secondo il ministro dell'interno questo è l'unico futuro che deve avere un assassino efferato che, quando ha tolto la vita a degli innocenti: "Non si è posto il fatto che l'ergastolo fosse umano e disumano".

Parole dure che hanno indignato Gennaro Migliore perché, secondo lui, pronunciate da un politico che ricopre una delle più alte cariche istituzionali dello Stato.

Migliore spiega perché non condivide le parole di Salvini

Secondo l'ex sottosegretario al Ministero della Giustizia, nessuno può dire che un uomo deve marcire in galera. Infatti, se da un lato è bene ricordare sempre che chi ha commesso dei reati deve scontare la sua pena - qualora sia stata emessa - fino all'ultimo giorno, dall'altro bisogna evidenziare che il verbo "marcire", utilizzato in riferimento a un detenuto, non rispetta i diritti umani.

Pubblicità

Dunque per il politico partenopeo questo linguaggio non va mai usato, sia che si tratti di un efferato criminale, sia che ci si riferisca a qualcuno che deve scontare una pena lieve. Proseguendo nelle sue dichiarazioni, Migliore ha definito sconcio il modo di esprimersi di Matteo Salvini, perché l'idea del "marcire" non può appartenere ad uno Stato democratico.

Nel frattempo, il Falcon militare con a bordo Cesare Battisti è atterrato in tarda mattinata all'aeroporto di Ciampino. Nel pomeriggio è stato condotto al penitenziario di Massama, a Oristano, dove verrà sottoposto a isolamento diurno per 6 mesi, come previsto dalla legge italiana per i condannati all'ergastolo.