Si è giunti ai tre quarti dello scrutinio nelle elezioni per il rinnovo del consiglio regionale della Sardegna (1373 sezioni su 1840) e Christian Solinas, senatore e già assessore regionale, sembra ormai destinato a sedere nel primo scranno di Viale Trento, sede del Consiglio e della Giunta sarda. Il candidato sostenuto dalla coalizione di centrodestra succederà a Francesco Pigliaru, prorettore dell’Università di Cagliari, eletto 5 anni fa superando nelle preferenze il presidente uscente, oggi deputato di Forza Italia e fedelissimo berlusconiano, Ugo Cappellacci.

Cadono dunque le speranze di vittorie e testa a testa del Sindaco di Cagliari Massimo Zedda, che pur ottenendo una probabile ma non eclatante vittoria a Cagliari, non sfonda nel resto dell’Isola.

Male il Movimento 5 Stelle che probabilmente non avrà rappresentanti nel Consiglio regionale.

Dati reali dei voti ai candidati presidente

Come anticipato, è Solinas, segretario del Partito Sardo d’Azione e candidato della coalizione di centro destra ad avviarsi alla vittoria delle regionali sarde.

Il candidato sardista, appoggiato in particolar modo dalla Lega, è attualmente al 47,97%. Questo garantirebbe al centrodestra un premio di maggioranza del 60% al consiglio regionale.

A seguire, come da previsione, Massimo Zedda: il giovane primo cittadino cagliaritano raggiunge il 33,01% facendo meglio, a livello percentuale della propria coalizione.

Il Movimento 5 Stelle non bissa il successo di un anno fa.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
M5S Elezioni Politiche

Anzi rischia di non entrare in consiglio regionale a causa del voto disgiunto. Il candidato Desogus, ripescato dopo il passo indietro di Mario Puddu, raggiunge tuttavia l’11,08%.

Staccati gli altri contendenti: Maninchedda (sinistra) al 3,11%; Pili (centro destra autonomista) al 2,28%; Andrea Murgia 1,8% (Indipendentisti) e infine Lecis (coalizione comunista) allo 0,6%. Ininfluenti dunque i candidati di contorno, al contrario della scorsa tornata dove Michela Murgia e Mauro Pili avrebbero potuto essere decisivi l’una per il centrosinistra e l’altro per il centrodestra.

Coalizioni e partiti

La coalizione di centro destra al momento si attesta al 52,21% a trainare il carro la Lega di Matteo Salvini 11,91% e il Partito Sardo d’Azione di Solinas 10,03%. Crolla Forza Italia che inizialmente sembrava proiettata verso la doppia cifra: 8,08%. Sotto il 5% tutte le altre formazioni.

Nel centrosinistra il Partito Democratico si attesta al 13,04%, primo partito regionale.

Non sono lusinghieri i risultati delle altre liste collegate a Zedda, compreso Liberi e Uguali fermo al 3,73%. 9,5% il risultato del Movimento 5 Stelle che terrebbe fuori Desogus dal Consiglio regionale.

Sopra il 3% il partito dei Sardi di Manninchedda, mentre tutte le altre formazioni legate ai restanti candidati presidente non raggiungono tale percentuale.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto