Lo scenario politico italiano, secondo quelli che sono i responsi offerti da sondaggi e le ultime tornate elettorali, ha un dominatore assoluto: Matteo Salvini. Da tempo si cerca di capire quale potrebbe essere l'alternativa a questa escalation che, ad oggi, non accenna a diminuire. Nel frattempo, però, diversi esperti raccontano come una crisi di governo potrebbe aprire scenari in cui l'interesse di molti partiti potrebbe essere quello di evitare nuove elezioni e provare a comporre una nuova maggioranza formata, per esempio, dal Movimento Cinque Stelle e dal Partito Democratico.

Proprio su una eventuale alleanza di questo tipo si è espresso Matteo Salvini attraverso un lungo post in cui è tornato a manifestare una certa insofferenza verso un partito, quello a cui appartiene, che troppo spesso, a suo dire, lo attacca quasi fosse fosse un avversario politico.

Renzi invita a fare opposizione al governo

Con un filo di amarezza Matteo Renzi ha posto l'accento sul fatto che ogni qualvolta attacca Salvini o Di Maio, riceve quasi automaticamente dichiarazioni non proprio tenere da parte dei propri compagni di partito.

"Penso - ha evidenziato - che il Pd dovrebbe occuparsi di fare opposizione al Governo, non a me". Poi, però, sposta l'attenzione su un altro aspetto, ossia su un'intervista di Franceschini che, a suo dire, per metà gli addebita le colpe di ciò che è successo in questo mese e per l'altra metà elogia il Movimento Cinque Stelle. L'apertura verso i grillini sarebbe racchiusa in una precisa frase pronunciata da Franceschini, ossia: "Insieme possiamo difendere certi valori".

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
M5S Pd

Renzi contro alleanza Pd-M5S

Renzi senza giri di parole manifesta tutta la sua contrarietà ad una eventuale alleanza con il Movimento Cinque Stelle. Elenca tre motivi. Il primo è aver governato assieme alla Lega consegnando il 35% dell'elettorato italiano a Salvini. A ciò aggiunge che Franceschini, invece di dargli colpe dovrebbe fare leva sulla sua esperienza per analizzare le cose in maniera meno "rozza".

Renzi, come seconda motivazione anti-M5S, sottolinea come non si tratti di un movimento democratico, ma di un qualcosa che fa leva su una "piattaforma opaca" e un "rapporto stravagante con la rete". Infine, come terzo punto, sottolinea come sarebbe difficile stringere rapporto con chi, come Di Maio, definisce il Pd "il partito di Bibbiano". "Se qualcuno - scrive - vuole davvero fare l’accordo con i Cinque Stelle ci provi, alla luce del sole, senza dover attaccare me".

E poi c'è una rilevazione importante:"Non voterò la fiducia a un Governo PD-Cinque Stelle. Chi vuole provarci lo faccia: nessuno potrà impedirmi di oppormi ad alta voce come è mio diritto". "Si può - conclude - rinunciare a una poltrona, come io ho fatto più volte, ma non si può rinunciare alla dignità".

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto