Il caso di Mario Balotelli continua a far discutere. Il giocatore del Brescia, preso di mira da fischi e ululati di una piccola minoranza del pubblico di Verona domenica scorsa, ha fermato il gioco, gettato la palla in curva e minacciato di andarsene. È stato lui stesso ad accusare i tifosi scaligeri di essere dei razzisti. Accuse subito rispedite al mittente dal Sindaco della città. Ma la reazione furiosa di Balotelli, italianissimo ma con la pelle nera, ha innescato la polemica Politica.

A finire nella bufera è finito Luca Castellini, uno dei capi della tifoseria veronese che non ha mai nascosto le sue simpatie di estrema destra. “Balotelli è italiano perché ha la cittadinanza italiana, ma non potrà mai essere del tutto italiano”, ha dichiarato Castellino il quale, inseguito da frotte di giornalisti, pare abbia trovato momentaneo riparo in Austria o in Germania. Ad intervenire sulla vicenda è stato anche Matteo Salvini.

“Vale più un operaio Ilva che 10 Balotelli”, ha fatto sapere il leader della Lega. Ma la critica forse più dura al calciatore è quella formulata da Diego Fusaro che lo ha bollato come “miliardario”.

Mario Balotelli criticato da Salvini e Castellini

Gli spiacevoli fatti di domenica scorsa a Verona, dove Mario Balotelli ha denunciato platealmente di essere stato vittima di cori razzisti, ha trovato un’ampia eco sui mass media nazionali.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Politica Matteo Salvini

La maggioranza dei commentatori ha appoggiato la tesi del calciatore di origini africane che l’Italia stia diventando sempre più razzista. La polemica va ad inserirsi perfettamente nel solco tracciato pochi giorni prima dall’approvazione in Senato della mozione Segre con cui si è istituita l’omonima commissione finalizzata a combattere razzismo e antisemitismo, criticata anche da Fusaro. Contro questa vulgata degli italiani sempre più razzisti è insorto Matteo Salvini.

Il leader della Lega ha in pratica liquidato il caso Balotelli affermando che questa sia proprio la sua “ultima preoccupazione”, considerato anche il fatto che, nelle stesse ore, è esplosa la crisi occupazionale dell’Ilva di Taranto. Una vera e propria bomba sociale. Più duro del capitano leghista si è certamente dimostrato Luca Castellini. Il leader della curva scaligera ha detto che Balotelli non potrà mai essere del tutto italiano. Poi, secondo quanto riferito da La Zanzara, per sfuggire all’assedio del circo mediatico, si sarebbe rifugiato in un Paese di lingua tedesca.

Novità video - Salvini: "È un governo di tasse e manette"
Clicca per vedere

L’opinione di Diego Fusaro: ‘Ridicolo caso Balotelli’

Come se non fossero bastate le parole di Salvini e Castellini, ci ha poi pensato Diego Fusaro a cercare di chiudere il caso Balotelli. “Vi dico la mia sul ridicolo caso Balotelli”, ha scritto sui social il filosofo sovranista. A suo modo di vedere, infatti, la “stupidità” delle cosiddette “sinistre fucsia e arcobaleno” sarebbe emersa in modo lampante nel caso di Mario Balotelli.

Cosa fanno queste sinistre, si chiede polemicamente Fusaro, “anziché lottare per le classi lavoratrici sfruttate e precarizzate, per il lavoro e i diritti sociali?”. La risposta se la dà lui stesso: “Perdono tempo con i lobotomizzati irrecuperabili delle destre xenofobe e acefale”. Insomma, la sinistra italiana spreca il suo tempo a difendere Balotelli, inquadrato come un “miliardario che, quale sia il colore della sua pelle, non fa in alcun modo parte del polo dominato”, ovvero della “classe lavoratrice”.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto