L'OMS, Organizzazione Mondiale della Sanità, avverte che le conseguenze legate all'infezione da Zika Virus in America Latina stanno diventando un'emergenza su scala globale; emergenza che richiede una risposta unitaria da parte di tutto il mondo. I Paesi maggiormente a rischio di questa nuova epidemia sono: Brasile, Colombia, El Salvador, Guiana francese, Guatemala, Haiti, Honduras, Martinica, Messico, Panama, Paraguay, Puerto Rico, Repubblica Dominicana, Suriname e Venezuela.

Zika Virus come Ebola

I maggiori esperti infettivologi sono preoccupati che il virus si possa diffondere molto velocemente, con conseguenze devastanti. La preoccupazione da parte della comunità scientifica mondiale è tale da far pensare a molti che, l'epidemia da Zika Virus sia paragonabile, per gravità e relative conseguenze, a quella di Ebola, che ha funestato i territori dell'Africa Occidentale, comportando la morte di più di 11000 persone.

L'importanza della prevenzione

Margaret Chan, direttore generale dell'OMS, ha definito Zika come un 'evento straordinario' che necessita una risposta unitaria e coordinata. Durante l'assemblea del comitato d'emergenza, da lei indetto per l'1 febbraio 2016, ha dichiarato: "I recenti casi di microcefalia e di altre anomalie neurologiche rilevate in America Latina, costituiscono un'emergenza di sanità pubblica di rilievo internazionale".

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Gravidanza

La stessa ha aggiunto che attualmente la priorità deve essere quella di proteggere le donne incinte e di cercare di controllare la diffusione delle zanzare, vettrici del virus. Ha inoltre raccomandato alle donne gravide di cercare di rimandare i viaggi organizzati in zone martoriate dal virus e di informarsi dal proprio medico sui repellenti da utilizzare per proteggersi dalle punture di zanzara. Attualmente non esiste un vaccino che assicuri una protezione dal contagio, per cui l'unico mezzo a disposizione per preservare la salute dei nascituri è rappresentato dal prevenire le punture di zanzara aedes aegypti, "cugina" della zanzara tigre.

Nella maggior parte dei casi, in seguito a puntura di zanzara vettrice del virus, le infezioni sono lievi, e presentano una sintomatologia molto sfumata, caratterizzata da: febbre, dolori articolari e muscolari, eruzioni cutanee, congiuntivite; il vero problema sarebbe a carico del nascituro, predisponendo lo stesso ad un elevato rischio di microcefalia ed altri gravi disturbi neurologici.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto