Un team di esperti ha svolto presso l'Università di Padova delle ricerche sugli effetti generati dal lockdown sulla popolazione, analizzando in particolare la seconda settimana: quella che andava dal 17 al 23 di marzo. Dall'analisi sono emersi alti livelli di depressione, elevato stress, insonnia e difficoltà nella percezione del tempo. Questi i risultati causati dal trascorrere molto tempo chiusi in casa, e pubblicati sulla rivista di carattere scientifico Journal of Sleep Research.

La ricerca e i risultati ottenuti

La ricerca è stata coordinata da Nicola Cellini, appartenente al dipartimento di Psicologia Generale dell’ateneo veneto.

Il gruppo di ricercatori è stato in grado di recuperare alcuni dati sulla qualità del sonno in un campione di 1310 persone, di fascia di età compresa tra i 18 e i 35 anni.

Il periodo che gli esperti hanno posto sotto osservazione è stato quello della settimana tra il 17 ed il 23 marzo, la seconda trascorsa in lockdown, facendo il raffronto con la prima settimana di febbraio (dall'1 al 7 di febbraio) quando ancora non vi era nessuna limitazione agli spostamenti sul territorio italiano. Dalla ricerca è emerso che, a causa di vari motivi, fra cui lo scarso movimento generato dalla permanenza in casa, la scarsa esposizione alla luce del sole, l'assenza di attività sociali e le preoccupazioni dovute al contesto, è stato riscontrato un peggioramento della qualità del sonno.

Inoltre, tra gli altri effetti attribuibili alla quarantena, è stato registrato un vistoso cambiamento nei ritmi sonno-veglia, dovuto ad un incremento nell'uso di internet, e un'alterata percezione del tempo che scorre.

L'OMS è preoccupata per gli adolescenti

Lo studio ha messo in evidenza che il 24,2% (23,73% degli studenti e 24,95% dei lavoratori) del campione aveva sintomi depressivi (da lievi a severi), il 32,6% viveva stati di ansia e metà del campione (il 51,6% degli studenti e il 49,47% dei lavoratori) sintomatologia da stress.

Inoltre tra questi soggetti si sono manifestanti problemi d'insonnia, in aumento dal 40,5% al 52%.

Sul tema si è esposta anche l'Organizzazione Mondiale della Sanità, effettuando una ricerca sui giovani, analizzando i dati sulla Salute, legami e sul benessere con un campione di oltre 200 mila studenti di età compresa tra 11 e 15 anni, provenienti da diversi Paesi del territorio europeo e del Canada.

Si è riscontrato che un numero crescente di giovani sta vivendo problemi legati alla salute mentale. Gli adolescenti in questo periodo di lockdown sono risultati essere più irascibili, e giù di morale. Hans Henri P. Kluge, direttore regionale dell’OMS per l’Europa, ha dichiarato che questi problemi sono stati riscontrati in molti casi.

Segui la pagina Coronavirus
Segui
Segui la pagina Salute
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!