Continua l’opera di costruzione dell’organico da parte del Team Bahrein Merida, la squadra mediorientale che ha ingaggiato Vincenzo Nibali. La formazione diretta da Brent Copeland ha annunciato l’ingaggio di altri due corridori. Si tratta dell’australiano Heinrich Haussler e dello sloveno Grega Bole, due corridori veloci e da classiche. Con questi arrivi il Team Bahrein Merida raggiunge quota nove corridori.

Una squadra da classiche

Con l’ingaggio di Heinrich Haussler e Grega Bole il Team Bahrein Merida assume una conformazione sempre più orientata alle corse di un giorno, mentre continuano a scarseggiare i corridori adatti ad aiutare Vincenzo Nibali nei grandi giri.

Heinrich Haussler ha 32 anni ed ha vissuto la sua stagione d’oro nel 2009, quando arrivò secondo sia alla Milano Sanremo che al Giro delle Fiandre. E' un uomo veloce e portato alle classiche del pavè. Dopo qualche stagione anonima si è ripresentato a buoni livelli dallo scorso anno, quando è riuscito a vincere il campionato nazionale australiano. In questo 2016 ha ben figuratonelle classiche del nord, arrivando sesto alla Parigi Roubaix. Haussler è un corridore abituato ai team in costruzione: già nel 2009 con la Cervelo e nel 2013 con la Iam ha vissuto l’esperienza dell’ingaggio in una squadra appena nata.

Grega Bole ha 31 anni ed ha corso questa stagione nella Nippo Fantini, con cui ha conquistato il Gp Costa degli Etruschi di Donoratico.

In precedenza ha vinto anche una tappa al Giro del Delfinato e il Gp di Plouay, corse del calendario World Tour. È un corridore veloce ed esperto, capace di tenere sulle piccole salite.

'Pronti per grandi risultati'

“Sono due corridori che possono portare grandi risultati su diversi terreni” ha spiegato il Team manager Brent Copeland “La loro carriera parla da sola, non c’è molto da spiegare su di loro.

Nonostante siano corridori esperti penso che abbiano ancora dei margini di miglioramento”.

I nove corridori attualmente in organico al Team Bahrein Merida sono: Vincenzo Nibali, Giovanni Visconti, Manuele Boaro, Borut Bozic, Sonny Colbrelli, Luka Pibernik, Kanstantin Siutsou, Grega Bole e Heinrich Haussler.