Solo Thomas Fabbiano rimane ancora in corsa per i colori azzurri nei tornei di questa settimana. Il tennista pugliese, ripescato come lucky loser, passa al secondo turno dove invece è stato eliminato Fognini. Male anche Lorenzi e ritiro negli ottavi di Tashkent per Francesca Schiavone.

Italiani a Shenzhen e Chengdu

Thomas Fabbiano è l’unico superstite della spedizione italiana in oriente. E tra l’altro lo è da lucky loser, eliminato nell’ultimo turno delle qualificazioni ed ammesso in extremis nel tabellone principale di Shenzhen dopo la rinuncia della testa di serie numero uno Alexander Zverev, campione domenica a San Pietroburgo.

Il ragazzo nato a San Giorgio Jonico è stato bravo ad approfittare della situazione vincendo nel match di primo turno contro il giapponese Nishioka per 3-6, 6-3, 6-4. Fabbiano affronterà domani nel secondo turno l’esperto brasiliano Thomaz Bellucci, attuale numero 81 Atp. Eliminato invece Fabio Fognini, sconfitto nel secondo turno dal fratello di Alexander Zverev, Misha, bravo ad imporsi sul ligure con il punteggio di 7-6 (7-3), 6-4 in un’ora e 22 minuti di gioco.

Occasione persa per il tennista azzurro, sicuramente più quotato del tedesco (numero 120 del ranking) e passato al tabellone principale attraverso le qualificazioni. Esce agli ottavi di finale del torneo cinese di Chengdu anche Paolo Lorenzi. Il tennista senese parte subito malissimo perdendo il primo parziale a zero con l’argentino Diego Sebastian Schwartzman, posizionato al numero 70 nella classifica Atp.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Tennis

Lorenzi tenta un’inutile reazione nel secondo set prima di crollare definitivamente e lasciare la partita all’avversario, vincitore con il punteggio finale di 6-0, 6-4 in soltanto un’ora e 15 minuti.

Ritiro della Schiavone in Uzbekistan

Saluta il torneo di Tashkent (250.000 dollari, cemento) Francesca Schiavone, costretta al ritiro per malanni fisici durante il secondo set. La milanese, apparsa opaca sin da subito e sempre alla ricerca di colpi decisivi (ma infruttuosi) per accorciare gli scambi, ha dovuto alzare bandiera bianca sul 3-2 nel secondo parziale, dopo aver perso il primo per 6-2, con l’avversaria svizzera Stefanie Voegele, di una sola posizione dietro alla Schiavone (103esima mentre l’italiana è numero 102) nella classifica Wta.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto