Nel 2017 il mondo del Ciclismo riabbraccerà due salite dure e storiche. È notizia delle ultime ore, infatti, il ritorno dell'Alpe d'huez e dell'Alto de El Angliru: le due impegnative asperità situate in Francia e in Spagna saranno protagoniste della Vuelta a Espana e, a sorpresa, del Giro del Delfinato.

L'Aso, avendo già presentato il percorso dell'edizione numero 104 del Tour de France, ha scelto i leggendari tornanti dell'Alpe d'Huez per il gran finale del 67/esimo Giro del Delfinato, consueto antipasto della Grande Boucle.

La salita alpina non si vede al Tour dal 2015, stagione in cui a trionfare fu Thibaut Pinot, davanti a Ryder Hesjedal. Quest'esclusione è legata alla volontà degli organizzatori francesi di concentrarsi su arrivi inediti specialmente sui Vosgi e sul Massiccio Centrale.

La Vuelta a Espana, il cui percorso sarà presentato il prossimo 12 gennaio, è pronta a tornare sull'Angliru, una delle tre salite più dure d'Europa, insieme ai nostri Zoncolan e Mortirolo. I 12,6 km che portano alla vetta (con una pendenza media del 9,9%) torneranno, molto probabilmente, ad assegnare la maglia roja a quattro anni di distanza dal duello sul filo dei secondi tra Vincenzo Nibali e Chris Horner, che fece sua la corsa iberica per soli 37".

La Vuelta 2017, che partirà dalla Francia, esattamente da Nimes, nella Linguadoca, dovrebbe attraversare i Pirenei per poi far capo nella regione della Catalogna. Successivamente dovrebbe esserci un trasferimento nel nord della Spagna, più precisamente nelle Asturie, in direzione Angliru.

Nella stagione 2017, dopo il ritorno del Muro di Grammont al Giro delle Fiandre, di Blockhaus, Mortirolo e Stelvio al Giro d'Italia, il mondo del ciclismo ritroverà altre due salite storiche che, nel corso degli anni, sono entrate di diritto nel cuore degli appassionati.

In attesa dell'ufficializzazione dei percorsi, tra le altre, di Milano-Sanremo, Parigi-Roubaix e Liegi-Bastogne-Liegi, i ritorni di Alpe d'Huez e Angliru rappresentano indubbiamente una grandissima (e molto gradita) notizia per i tifosi.

Segui la pagina Ciclismo
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!