Francisco Porcella, sardo classe 1989, nelle sue vene probabilmente non scorre sangue ma acqua di mare, nato su un isola e cresciuto tra le onde sarde e dell' oceano pacifico. All'età di 13 anni ha cavalcato la sua prima onda e da lì è iniziata una carriera surfistica agonistica invidiabile. Tripla nomination per lui ai "WSL Big Wave Awards" (il premio Oscar per i praticanti del surf da onda) e vincitore del premio per l' onda più grande cavalcata nel 2017, ben otto piani di altezza. La vita di un surfista professionista di certo non è una vita tranquilla; come lui stesso ha affermato: "Sappiamo solo con 5 giorni di anticipo quando arrivano le onde, e in 5 giorni ci raduniamo nel luogo dell' evento per disputare le gare di campionato".

Immaginate, quindi, di essere in continua attesa e di dovervi spostare da una parte all'altra del mondo con pochi giorni di preavviso, solo un campione può reggere simili sforzi fisici e mentali.

Dalla tavola alla pista

Ma ora per la sua nuova avventura dovrà restare con i piedi su una superficie ben più asciutta, infatti dal 10 marzo ha preso parte alla trasmissione per ballerini più famosa d' Italia, Ballando con le Stelle. La celebre trasmissione RAI vede sfidarsi diverse coppie sotto la conduzione di Milly Carlucci egli occhi attenti dei giudici; Francisco è accompagnato dalla sua bionda compagna, Anastasia Kuzmina.

I suoi precedenti televisivi

Probabilmente molti spettatori alla prima vista del giovane ragazzo sardo si saranno chiesti: "Ma esattamente chi è questo?" e si saranno sicuramente concentrati sulla sua compagna di ballo Anastasia Kuzmina, per il pubblico maschile, sicuramente ben più interessante del giovane surfista.

In effetti non si può ancora paragonare, dal punto di vista della notorietà, agli altri partecipanti in gara che hanno un esperienza nel mondo della televisione già più formata.

Francisco, oltre ad una pubblicità per una famosa casa italiana di intimo e alla partecipazione alla trasmissione di Fabio Fazio sulla RAI, non ha molte apparizioni sulla TV nazionale, probabilmente anche perché non è un campione di calcio o di altri sport a cui viene data ben altra visibilità.

Non vuole essere una provocazione, ma bisogna ammettere che lo sport "scelto" dal nostro campione non sia proprio tra i più conosciuti e non sia lo sport con cui è più facile diventare famosi; o almeno qui in Italia. Però è sicuramente da apprezzare la tenacia con cui un giovane ragazzo si sia da prima fatto strada nel surf da onda, partendo da una piccola realtà come quella sarda, sino ad arrivare alle massime competizioni mondiali.

Per gli amanti dello sport in generale è senza dubbio una vittoria vedere un giovane sportivo riuscire ad affermarsi anche nella realtà televisiva perciò non possiamo che fargli i nostri migliori auguri e tifare per lui.