Era nell'aria e purtroppo le autorità ne hanno dato conferma: è stato recuperato un corpo senza vita dall'aereo che avrebbe dovuto trasportare il calciatore Emiliano Sala, da Nantes a Cardiff, in Galles. Per cause ancora da accettare l'aereo si è schiantato in acqua inabissandosi in fondo al Canale della Manica, mettendo con ogni probabilità la parole fine alla vita del 29 enne calciatore Emiliano Sala e del pilota dell'aereo, David Ibbotson. Dopo giorni di ricerche a vuoto e una raccolta fondi che ha visto raccogliere centinaia di migliaia di euro affinché riprendessero le ricerche, era stato dato l'annuncio di un avvistamento di un corpo senza vita all'interno dei rottami dell'aereo distrutto.

Pubblicità

Nelle ultime ore uno dei corpi è stato recuperato, a darne notizia sono i media britannici: ''Il corpo avvistato è stato recuperato con successo''. Al momento, però, non si sa se appartenga al pilota dell'aereo o al calciatore Sala. Secondo quanto riportato dall'Ansa, l'Air Accident Investigation Branch ha riferito che il corpo sarebbe stato recuperato in condizioni estreme e che le famiglie coinvolte sarebbero state informate passo dopo passo in merito al ritrovamento e al recupero del corpo.

Emiliano Sala, estratto un corpo dall'aereo

Nei prossimi giorni il medico legale dovrà accertare le generalità del corpo ritrovato, mentre l'aereo non è stato possibile recuperarlo a causa delle condizioni difficili nelle quali hanno dovuto lavorare i sommozzatori.

Le ricerche comunque continueranno attraverso i mezzi sottomarini che hanno permesso l'avvistamento del primo corpo.

Intanto è notizia proprio di queste ore, la richiesta del Nantes per il pagamento di 16 milioni di euro per il cartellino di Emiliano Sala, ceduto al Cardiff il 19 gennaio 2019. La richiesta è sembrata quantomeno inopportuna dopo la tragedia che ha sconvolto il mondo del calcio e che, molto probabilmente, ha spezzato per sempre il sogno di un giovane calciatore molto promettente.

Pubblicità

Il Nantes ha minacciato di adire alle vie legali qualora il Cardiff non saldasse entro 10 giorni la cifra pattuita in sede di calciomercato. In tutta risposta la squadra gallese ha fatto sapere che onorerà i patti, ma non prima che siano chiariti tutti i fatti'. Inoltre ha mostrato ''stupore'' in merito ad una richiesta avvenuta durante il momento più drammatico per le sorti di un ragazzo di appena 29 anni.