La politica dei "marginal gains" portata nel Ciclismo dal Team Sky, ora Team Ineos, non conosce sosta. La squadra britannica sta continuando a lavorare incessantemente su tutti quei piccoli miglioramenti che messi insieme possono portare ad un grande miglioramento. Seguendo questa teoria la Ineos sta studiando delle novità in tutti i settori, dall’alimentazione ai materiali passando per i programmi di allenamento, a volte anche con idee che hanno fatto storcere il naso. Una delle novità introdotte dalla squadra di Froome è una catena trattata in modo speciale che consente indicativamente un risparmio di 10 watt.

Ciclismo, un progetto da 6.000 sterline per la catena

L’idea di realizzare una nuova catena, o almeno un trattamento in grado di migliorarne ulteriormente l’efficacia, è nata nel periodo in cui Bradley Wiggins si stava preparando per dare l’assalto al record dell’ora, nel 2015. Sky iniziò allora a collaborare con Muc-Off, un’azienda specializzata in prodotti per la pulizia e la manutenzione delle biciclette. Lo sviluppo del processo di ottimizzazione della catena di Wiggins costò ben 6.000 sterline, ma quell’esperienza è poi entrata nell’archivio dei famosi "marginal gains" utilizzati anche nel ciclismo su strada. Per il record dell’ora fu elaborato un trattamento in nove fasi che utilizzava un pulitore ad ultrasuoni con i prodotti di Muc-Off, alternato a periodi di asciugatura in forno ed una lavorazione con nanotubi di grafene per riempire quegli spazi microscopici, invisibili all’occhio umano, presenti sulla catena.

Wiggins realizzò nel giugno del 2015 il suo record dell’ora con questa catena assolutamente speciale in grado di ridurre al minimo gli attriti. Secondo la Sky e Muc-Off questo prodotto innovativo studiato appositamente per lui gli permise di guadagnare ben 337 metri nel suo tentativo rispetto all’uso di un componente tradizionale con lubrificante.

Un grande vantaggio dopo quattro ore

Da allora il Team Sky, adesso diventato Ineos, ha iniziato ad utilizzare queste speciali catene anche per le corse su strada. Anche per il Tour de France che inizia sabato 6 luglio da Bruxelles, lo squadrone britannico si è fatto preparare una bella quantità di catene. Il trattamento è presente in commercio per i pedalatori di ogni livello e secondo l’azienda produttrice garantisce un risparmio di 10 watt dopo quattro ore di corsa rispetto ad una catena lubrificata con Ceramic Speed Ufo Drip.

Secondo Muc-Off infatti il vantaggio dato dal suo trattamento è particolarmente rilevante con il passare delle ore in sella. L’efficacia del Ceramic Speed andrebbe a diminuire già dopo 18 minuti di pedalata, portando ad una distanza di 10 watt tra i due sistemi dopo un utilizzo di quattro ore, una durata media per una tappa del Tour de France.

Segui la pagina Ciclismo
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!