Tantissime persone, si stima oltre duemila, questa mattina nella chiesa di Sant'Alessandro a Paladina hanno dato un ultimo saluto a Felice Gimondi, fuoriclasse del Ciclismo italiano scomparso il 16 agosto ai Giardini-Naxos in Sicilia.

L'ex ciclista bergamasco è rimasto vittima di un malore, mentre faceva il bagno durante la vacanza siciliana. L'intervento dell'amico medico Domenico Fichera, con cui Gimondi era in vacanza insieme alle famiglie, non è bastato per rianimare il Campione degli anni Sessanta/ Settanta.

A dare l'ultimo saluto a Gimondi, nella celebrazione in provincia di Bergamo, una folla nutrita nonostante il periodo di vacanze estive.

Presenti diversi campioni del ciclismo italiano

Presenti moltissimi ciclisti del presente e del passato, a partire dal Commissario Tecnico della Nazionale Davide Cassani, che ha ribadito come Felice Gimondi sia stato l'unico idolo della sua vita. E poi Saronni, Moser, Motta, Baldini, Argentin, Savoldelli, Gotti, Fondriest, Baronchelli e, naturalmente, il suo ex gregario e poi Direttore Sportivo Giancarlo Ferretti.

Accanto alla moglie Tiziana e alle figlie Federica e Norma, anche Tonina, mamma dell'indimenticabile Marco Pantani.

E proprio riferito anche al 'Pirata', fuori dalla chiesa campeggiava un cartello con la scritta "Felice, salutaci Marco Pantani". Due campionissimi diversi ma accomunati dalla stessa classe cristallina e insieme sul podio del Tour del 1998 per festeggiare proprio la vittoria del romagnolo.

Naturalmente, oltre a diversi volti noti del ciclismo e dello sport in generale, anche tanta gente comune, accorsa per salutare e ringraziare un simbolo del ciclismo italiano.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Ciclismo

Una carriera straordinaria

Felice Gimondi ha avuto una carriera ricca di successi e, probabilmente, dai tempi di Coppi e Bartali ad oggi, è stato il ciclista italiano più completo. Un atleta capace di imporsi in Grandi Classiche come la Milano-Sanremo, la Parigi-Roubaix e il Giro di Lombardia (vinto due volte ) ma anche protagonista e vincitore di ben 5 Grandi Giri.

Il bergamasco ha trionfato ben tre volte al Giro d'Italia e una volta sia al Tour de France che alla Vuelta di Spagna.

E', infatti, uno dei sette ciclisti capaci di vincere tutti e tre i Grandi Giri. Un'incredibile carriera, impreziosita anche dal trionfo al Campionato del Mondo di Barcellona nel 1973.

Il tutto, nonostante l'ingombrante presenza del più grande Campione di tutti i tempi, il grandissimo Eddy Merckx. Con lo straordinario ciclista belga, Felice ebbe una profonda rivalità sfociata in amicizia verso fine carriera e poi continuata dopo il ritiro di entrambi, fino ai giorni nostri. I due sportivi, infatti, si sentivano spesso e si vedevano appena possibile.

Merckx assente al funerale

Eddy Merckx ha dichiarato di aver sentito Gimondi quindici giorni prima del decesso e ha chiesto scusa alla famiglia del ciclista scomparso per la mancata presenza al funerale: "Non arrabbiatevi se non verrò al funerale ma non ce la faccio, sto troppo male. Vi prometto che verrò a trovarvi, staremo di nuovo insieme".

Al ciclismo italiano viene a mancare una figura importante e storica dal punto di vista sportivo ma anche un uomo educato, corretto e sempre schietto e sincero.

Un Campione che ha reso gli appassionati dell'epoca, orgogliosi di essere italiani.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto