Ad aggiudicarsi il titolo di campione italiano WMKFC (World Martial Federation Full Contact) nell'incontro tenutosi domenica 4 agosto è stato il fighter del Team Athena Trapani Gaspare Madone, che ha sfidato senza esclusione di colpi il calabrese di Catanzaro Michael Miliè.

La notte dei campioni

Una serata di kickboxing e boxe all'insegna dell'entusiasmo, dell'energia e ad alto tasso adrenalinico quella che si è disputata la scorsa domenica 4 agosto a Campobello di Mazara (TP) che ha visto sfidarsi grandi campioni e promettenti dilettanti in un evento di rilevanza internazionale dedicato alle specialità della lotta.

A trionfare, vincendo rispettivamente i titoli di campione europeo e italiano, Samuel Moreno e Gaspare Madone, che entreranno a far parte della rosa dei lottatori partecipanti ai circuiti internazionali Aisudan e Strikers della WCA (World Combat Arena).

Senza esclusione di colpi

Eugenio Tomasino, rappresentante della WCA, attento osservatore e spettatore degli incontri, commentando la prestazione di Madone ha affermato che lo stesso ha letteralmente condotto a suo favore tutto il match e impedito all'avversario, più alto di lui, di sfruttare il suo allungo e le sue notevoli tecniche di calcio, pressoché annullando il suo vantaggio fisico-tecnico.

Inoltre, ha proseguito Tomasino, Madone ha avuto grande abilità a chiudere la distanza con il suo avversario e a sferrare i suo ben assetati colpi che, pugno per pugno, lo hanno destabilizzato. Il campione italiano, decretato tale all'unanimità dalla commissione giudicatrice, ha chiuso il match a pieni voti.

Stesso giudizio unanime è stato attribuito allo spagnolo campione europeo di Pro specialità K1, Samuel Moreno che, lottando duramente, ha sconfitto il campione europeo dilettanti Davide Zuccaro.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
ESports

Dopo una partenza equilibrata tra i due – ha aggiunto Tomasino - al terzo round, Moreno ha cominciato a sferrare potenti calci bassi alla gamba destra di Zuccaro, limitandone mobilità e capacità di risposta ai duri attacchi dell'avversario iberico. Nonostante l'estenuante lotta, Zuccaro ha dovuto cedere ai feroci attacchi di Morendo, concludendo comunque il match in piedi da grande fighter.

I maggiori complimenti di Tomasino, vanno al segretario generale della World Martial Kombat Federation, Gino Vitrano per avere organizzato e diretto magistralmente la serata oggetto di grande attenzione e apprezzamento da parte del pubblico presente.

Il ringraziamento di Tomasino, infine, va alla direzione arbitrale, curata dal presidente degli arbitri internazionali WMKF Josè Ranauro, e ai giudici di gara Antonio Lo Galbo, Angelo Lo Iacono e Filippo Mistretta.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto