Non è cominciata nel migliore dei modi la Vuelta Espana di Fabio Aru e della UAE Emirates. Il più atteso dei corridori italiani al via della corsa iberica è incappato in una caduta dalla dinamica particolarmente sfortunata nella tappa d'apertura, la cronosquadre di Torrevieja.

A causa di un'improvvisa ed imprevista pozza d'acqua che si trovava proprio nel mezzo di una curva, gli atleti della UAE hanno perso il controllo delle biciclette e sono finiti a terra. Per fortuna nessuno ha riportato seri danni, ma la frazione è finita con un pesante ritardo di oltre un minuto per la squadra di Joxean Matxin.

Jumbo e UAE, crono sfortunata

La giornata d'apertura della Vuelta Espana ha regalato più sorprese ed emozioni del previsto, purtroppo a causa delle cadute. La corsa è scattata con una cronosquadre di 13 km a Torrevieja, una prova che non sembrava poter dare dei grossi distacchi.

Invece un imprevisto ha rimescolato completamente le carte: mentre le ultime squadre stavano completando la loro gara, una curva già piuttosto insidiosa si è bagnata a causa della rottura di un impianto di irrigazione.

Ne hanno fatto le spese la Jumbo Visma - il team di Roglic che stava viaggiando sui tempi della Astana, poi vincitrice di giornata - ed anche la UAE Emirates di Fabio Aru.

Quasi tutti i ciclisti della UAE sono rovinati al suolo in questa curva, finendo sotto gli striscioni pubblicitari a bordo strada. Per fortuna nessuno si è fatto particolarmente male e la compagine diretta da Joxean Matxin ha potuto concludere la corsa, seppure con un pesante ritardo di 1'07".

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Ciclismo

"Una curva in contropendenza si è allagata ed è diventata fatale", ha raccontato Fabio Aru, che ha anche postato il video della caduta collettiva su Instagram.

'Abbiamo fatto quello che ci è stato possibile'

I ragazzi della UAE hanno cercato di concludere la corsa salvando il salvabile per limitare il ritardo. "Ci siamo rialzati subito e abbiamo fatto quello che ci è stato possibile fino alla fine", ha dichiarato Aru, che per fortuna non ha riportato ferite particolarmente preoccupanti: "Qualche botta logicamente c'è, ma pensiamo ad andare avanti come al solito".

La stessa curva bagnata ha rovinato anche la corsa della Jumbo Visma, partita come favorita e in linea per giocarsi il successo con la Astana dopo i primi chilometri: "Non mi aspettavo di attraversare il fiume Mississippi a metà curva. Inizio deludente ma senza gravi infortuni per i ragazzi", ha affermato George Bennett, il neozelandese della Jumbo Visma.

La squadra di Roglic - anche lui finito a terra - ha concluso la tappa con 40" di ritardo dalla Astana di Miguel Angel Lopez, prima maglia rossa della competizione iberica.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto