Anche i corridori del Team Ineos hanno ripreso a pedalare a pieno ritmo in vista dell’avvio della stagione 2020. Lo squadrone britannico si trova da qualche giorno in ritiro a Maiorca, dove resterà fino quasi a Natale. I ragazzi di Dave Brailsford si stanno impegnando a fondo per essere pronti alle sfide dei grandi giri, il tradizionale terreno di conquista, e tra tutti si sta distinguendo Geraint Thomas per la determinazione con cui sta affrontando questa preparazione invernale. Se un anno fa il gallese era arrivato alle prime corse molto appesantito e in ritardo di condizione stavolta ce la sta mettendo tutta per essere in forma smagliante.

309 chilometri per Thomas

Lo scorso inverno era stato molto particolare per Geraint Thomas. Come campione in carica del Tour de France il corridore gallese aveva ricevuto una grande quantità di inviti e richieste per presenziare ad eventi di ogni tipo. Thomas si era lasciato coinvolgere in questa nuova vita staccando per un bel po’ dagli allenamenti e arrivando al via della stagione con diversi chili di sovrappeso e una condizione fisica particolarmente deficitaria. Anche per questo motivo il 2019 del corridore della Ineos è passato senza nessuna vittoria.

Dopo una caduta rimediata al Giro di Svizzera, Thomas ha ritrovato una buona condizione al Tour de France, ma non pari a quella dell’anno precedente e non abbastanza per contendere il comando della squadra a Egan Bernal, poi vincitore della corsa. Da allora Thomas è riapparso solo al Giro di Germania, nelle due corse canadesi del World Tour e ai Mondiali, inanellando ritiri e prestazioni anonime.

Ora però il vincitore del Tour 2018 è deciso a riprendere al massimo dell’impegno partendo da una preparazione invernale che deve essere ben diversa rispetto ad un anno fa.

La prova della convinzione che ci sta mettendo il 33enne di Cardiff è un allenamento mostruoso di ben 309 chilometri in cui si è impegnato nei giorni scorsi.

Più di otto ore in sella

Thomas e i compagni della Ineos sono in ritiro ad Alcudia, sull’isola di Maiorca per approfittare del buon clima e dei percorsi interessanti delle Baleari e mettere così tanti chilometri nelle gambe. Il gallese ha preso davvero sul serio questo proposito ed ha postato le immagini del suo ciclocomputer con impressi i dati al termine dell’allenamento quotidiano.

Il vincitore del Tour 2018 è riuscito a percorrere ben 309 chilometri in poco più di otto ore e mezza di pedalata ad un ritmo di 36 chilometri orari. Anche se i ciclisti professionisti sono abituati a distanze molto ampie questo allenamento di Geraint Thomas risulta davvero notevolissimo. Altri compagni della Ineos hanno accompagnato il gallese in una parte di questo lungo tragitto, ma nessuno ha percorso tutta la distanza. Ganna ha pedalato per 167 chilometri in cinque ore e mezza, mentre Kwiatkowski e Carapaz hanno avuto un impegno più leggero con soli 67 e 93 chilometri.

Segui la pagina Ciclismo
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!