The Undertaker, il "becchino" che per trent'anni ha animato lo spettacolo del World Wrestling Entertainment, ha annunciato il suo ritiro. Uno dei wrestler più famosi e longevi al mondo - Mark William Calaway all'anagrafe - con i suoi 208 centimetri e i suoi 140 chili, a 55 anni lascia il ring e dichiara: "Sono arrivato al punto in cui il cowboy cavalca via. Non ho più niente da conquistare - ha spiegato - nessun obiettivo da raggiungere. Il gioco è cambiato ed è tempo per i nuovi di farsi avanti".

E così il "becchino" del wrestling che intimidiva gli avversari con i suoi sguardi agghiaccianti, accompagnato dal suono delle campane da morto, esce di scena dopo aver conquistato numerose vittorie.

Da Hulk Hogan (che riuscì a battere nel 1991) a John Cena, passando per The Rock, dopo 36 match di Wrestlemania e 21 vittorie consecutive, il lottatore statunitense adesso non ha più voglia di salire sul ring e lo ha annunciato durante l'ultimo episodio della docu-serie dedicata proprio alla sua vita.

Una leggenda diventata un documentario

Com'è accaduto a Michael Jordan prima di lui, anche la vita di The Undertaker è stata raccontata da una serie-documentario che si sofferma su vari aspetti della sua esistenza, senza dimenticare momenti difficili, paure e ossessioni del wrestler americano.

Calaway, indossando i panni di The Undertaker, ha voluto evidenziare la sua personalità: il suo obiettivo è sempre stato non solo quello di diventare un ottimo lottatore, ma anche un simbolo del suo mondo.

Un personaggio che è nato dopo una lunga evoluzione e un percorso non privo di ostacoli: nel 1985 si fa chiamare The Master of Pain ma la sua carriera cavalca tra alti e bassi e non riesce a spiccare il volo. Trascorrono cinque anni di combattimenti quando trova la sua identità come The Undertaker e vince il primo incontro nel Wwe.

Nel 1991 riesce a battere Hulk Hogan ed entra di diritto nel novero dei più grandi lottatori della storia.

Sul ring è sempre stato il "becchino" che entrava con mantello, cappello, guanti, due cravatte e l'aria minacciosa, circondato da una nube di fumo. La docu-serie The last ride è andata oltre il personaggio e ha raccontato l'uomo che si cela dietro la maschera e che ha portato il protagonista a riflettere sulla sua vita, a non giudicarsi con troppa severità e a vedere le cose da una "scala più ampia".

Un uomo con le sue paure che si è sottoposto a molte operazioni per continuare a combattere e ce l'ha sempre fatta: ha dovuto fare i conti con diverse cadute ma non ha mai perso la forza di rialzarsi. La sua privata è stata travagliata e lo ha reso una persona a volte fragile ma sempre combattiva.

The last ride ha ottenuto successo sui canali del Wwe ed ora sono diverse le emittenti che stanno cercando di ottenere i diritti di trasmissione. E proprio nell'ultima puntata della serie The Undertaker ha parlato del suo ritiro, legando la conclusione della carriera trentennale all'ultimo incontro, il trentaseiesimo: il Boneyard Match.

Terminata la carriera agonistica, The Undertaker continuerà ad essere ambasciatore e leggenda della Wwe.

Il presidente della federazione, Vince McMahon, potrebbe comunque richiamarlo in futuro per riproporre in qualche modo al pubblico la gimmick di Mark William Calaway.

Segui la pagina Curiosità
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!