Un sorriso mondiale italiano nel pugilato, cosa che non capita di spesso di questi tempi. Michael Magnesi è il nuovo detentore della corona iridata dei pesi superpiuma versione IBO, al palazzetto dello sport di Fondi ha infatti battuto per ko in cinque riprese il ruandese Patrick Kinigamazi. Il titolo era vacante dal 2019, da quando era stato lasciato dal campione Shavkatdzhon Rakhimov.

Match a senso unico

Per Magnesi un successo meritato alla luce della superiorità dimostrata nei confronti del 37enne pugile africano con passaporto svizzero. L'italiano è partito forte sin dalla prima ripresa aggredendo l'avversario, riuscendo sovente ad accorciare la distanza e far sentire il peso dei propri pugni.

Di Magnesi è piaciuta soprattutto la versatilità contro un mancino naturale, nel corso del match è stato infatti in grado di combattere su entrambe le guardie. Primo momento di difficoltà di Kinigamazi nel secondo round, raggiunto dai corti ganci del laziale: la chiave del combattimento è proprio questa, capace di aprire la guardia del ruandese nel terzo round, quando raggiunto da un preciso gancio di Magnesi scivola al tappeto. L'arbitro esegue il dovuto conteggio, ma Kinigamazi si rialza e riesce a reagire, replicando ai colpi dell'avversario. Michael in realtà sembra un predatore in agguato che aspetta il momento giusto per avventarsi sulla 'vittima', occasione che arriva alla quinta ripresa quando un potente gancio destro colpisce Kinigamazi al volto, stavolta non è in grado di proseguire il combattimento.

La carriera di Magnesi

Per Michael Magnesi si è trattato della diciottesima vittoria su 18 combattimenti da professionista, la decima prima del limite. Il 26enne originario di Cave ha fatto il suo esordio nel 2015 battendo Carmelo Palermo. Da allora ha inanellato un successo dopo l'altro, iniziando dal titolo italiano dei superpiuma conquistato a Grosseto nel 2018 grazie al successo per TKO in 3 round su Francesco Invernizio.

Successivamente ha vinto il titolo 'Mediterranean' Ibf battendo per ritiro dopo 4 round Ruddy Encarnacion ed è stato anche campione silver Wbc con la vittoria per TKO in dieci riprese su Emanuel Lopez, ambedue le cinture ottenute nel 2019. Ulteriore tassello verso il mondiale, lo scorso febbraio, è stato il titolo intercontinentale vinto in 4 round contro Breilor Teran.

Ricordiamo che gli altri campioni mondiali della categoria sono il messicano Miguel Berchelt (Wbc) e gli statunitensi James Herring (Wbo), Joseph Diaz (Ibf) e, soprattutto, Gervonta Davis (Wba) che ha recentemente difeso il titolo versione 'super' lo scorso 31 ottobre mettendo ko in sei round Leo Santa Cruz.

Segui la nostra pagina Facebook!