Lo spesometro 2013-2014 continua a generare apprensione fra i commercialisti e i contabili.

La speranza che si decidesse per una proroga della prima scadenza è sfumata, dato che il 10 aprile è stato il termine ultimo per la presentazione dello Spesometro per tutti coloro che liquidano l'Iva mensilmente.

Ma la speranza per coloro che liquidano l'IVA trimestralmente e hanno la scadenza fissata el 22 aprile non è ancora sfumata. L'#agenzia delle entrate potrebbe decidere in una proroga dello Spesometro 2013-2014 dell'ultimo minuto.

E a pensarci bene, i motivi ci sarebbero...

Spesometro 2013-2014: la proroga è necessaria

Questa volta si spera che l'Agenzia delle Entrate accolga la richiesta dei commercialisti di prorogare la scadenza di giorno 22 aprile all'ultimo minuto, come già successo lo scorso anno, nel mese di novembre.

Le ragioni ci sono e non vanno sottovalutate.

La scadenza del 22 aprile segue immediatamente il ponte di Pasqua, il che comporterà automaticamente un ingolfamento sia degli studi dei professionisti, che degli invii stessi delle comunicazioni.

Senza contare l'assenza di istruzioni chiare e complete, che gli operatori contabili lamentano da tempo, ma che non è stata risolta.

Per queste ragioni, ci si aspetta che la Pasqua porti con se la tanto richiesta e sperata proroga dello Spesometro, per permettere ai contabili, o ai soggetti passivi stessi, di inviare la comunicazione dello Spesometro 2013-2014 con calma, prevenendo anche errori nella trasmissione delle informazioni, che poi comporterebbero delle conseguenze inevitabili.