Dopo l'ultima bastonata dell'Imu la nuova stagione fiscale sugli immobili torna ad abbattersi su Roma capitale con la #Tasi 2014. Nel calcolo entrano anche gli inquilini, nessuna detrazione per i figli. Di buono c'è che le aliquota Tasi 2014 per la prima casa a Roma non ha subito la maggiorazione massima, attestandosi così sul 2,5 per mille, gli altri immobili sono a quota 0,8 per mille mentre i fabbricati strumentali rispetteranno l'aliquota dello 0 per mille. Chi deve pagare la Tasi a Roma? A essere colpiti saranno i proprietari di immobili di prime e seconde case. Con la Tasi 2014 a Roma anche gli inquilini sono chiamati a versare una quota dell'importo dovuto nella misura del 20%.

Tasi 2014 Roma, come calcolare l'importo

Scoperte le aliquote di Roma necessarie al calcolo Tasi 2014, è possibile procedere per sapere esattamente quanto bisogna pagare. Fermo restando la possibilità di usufruire dei tanti calcolatori online disponibili in rete, il calcolo Tasi 2014 può essere svolto facilmente anche a mano. La formula è semplicissima ed è la seguente: Rendita Catastale dell'immobile (visibile sul sito dell'Agenzia delle Entrate) x 1,05 x 160 (in caso di abitazioni) x aliquota (0,0025 per la prima casa). Al risultato corrispondente all'importo annuale vanno poi applicate le detrazioni.

Tasi 2014 Roma, le detrazioni

Come già anticipato, a differenza dell'Imu, per la Tasi 2014 a Roma non sono previste detrazioni per i figli conviventi, ma solo per il valore dell'immobile determinato dalla rendita catastale, secondo il seguente schema.

I migliori video del giorno

Rendita Catastale fino a 450 euro, detrazione di 110 euro

Rendita catastale tra i 450 e i 650 euro, detrazione di 60 euro

Rendita catastale tra i 650 e i 1500 euro, detrazione di 30 euro.

Tasi 2014 a Roma, come si paga

Il pagamento della Tasi 2014 potrà essere effettuato mediante il modello F24 presso sportello bancario o postale oppure con bollettino postale e home banking. I codici Tributo da indicare sul modulo apppropriato sono "3958" per l'abitazione principale e pertinenze, "3961" per gli altri fabbricati, "3959" per i fabbricati rurali, "3960" per le aree edificabili.