Prepariamoci a salutare la Tasi e l'#imu, sta giungendo la nuova tassa unica sulla casa Local Tax 2015, scopriamo insieme che cos'è e cosa cambia per i cittadini italiani.

Local Tax 2015: tassa unica sulla casa



Già dal 2015 potrebbe arrivare una sola tassa sulla casa denominata Local Tax, che andrà a sostituire la #Tasi, l'MU e l'addizionale #Irpef, invece a quanto pare la Tari la cosiddetta tassa sui rifiuti rimarrà vigente.



Al momento si hanno poche informazioni riguardo la funzionalità della Local Tax, per ora si è a conoscenza che lo scopo prioritario è quello di dare una certa indipendenza ai Comuni, alle Province e alle Regioni, con una sola tassa immobiliare.



L'aliquota della Local Tax dovrebbe essere invariata, ma con una detrazione fiscale intorno ai 200 euro, tutto ciò darebbe l'opportunità ai proprietari degli immobili che fino ad ora non avevano mai versato l'IMU e l'ICI di essere sollevati dal pagamento.



Un'altra novità sulla tassa Local Tax è che giungerà precompilata nella propria abitazione, in questo modo verrà districato anche l'enigma del conteggio.



Il segretario della CGIA Giuseppe Bortolussi ha chiarito che la probabile agevolazione della tassa Local Tax semplificherebbe il sistema dei versamenti delle tasse stesse, oltrettutto c'è da dire che questa è una richiesta di ogni cittadino italiano. Ovviamente al di là del fatto di facilitare il pagamento si dovrà riuscire ad ottenere anche una diminuzione delle tasse stesse, dato che per quest'anno la tassa sull'immobile ha preso una piega davvero inaccettabile.



Secondo i conteggi effettuati dalla CGIA di Mestre, la Local Tax potrebbe far riscuotere ai Comuni d'Italia 31 miliardi di euro, dislocati in questo modo.



Local Tax 2015: dati ISTAT, MEF
  • TASI/IMU: queste tasse nelle casse dei Comuni d'Italia darebbero un profitto di 18.800 milioni di euro.

  • TARI: la tassa dei rifiuti darebbe un profitto di 7.335 milioni di euro.

  • Addizionale IRPEF: la tassa darebbe un guadagno di 4.352 milioni di euro.

  • Imposta sulla propaganda e diritti pubbliche esposizioni: la tassa darebbe un profitto di 426 milioni di euro.

  • Tassa per occupazione luoghi pubblichi: la tassa darebbe un guadagno di 218 milioni di euro.

  • Tassa di soggiorno: la tassa darebbe un profitto di 105 milioni di euro.

  • Tassa di scopo: la tassa darebbe un guadagno di 14 milioni di euro.

Secondo i calcoli eseguiti dalla CGIA il totale ammonta a 31.251 milioni di euro.