Il Bollo auto è un'altra di quelle tasse che il cittadino italiano mal sopporta, proprio come il Canone Rai. Spesso la scadenza del bollo auto cade nel dimenticatoio della nostra mente, ed ecco che ci ritroviamo a dover pagare le sanzioni causate dal pagamento in ritardo. Come fare un calcolo veloce del dovuto e pagare il tutto senza perdere troppo tempo? Ecco le soluzioni più veloci e pratiche che potete adottare.

Calcolo bollo auto 2015 e versamento

Comodamente seduti a casa vostra, potete collegarvi al sito dell'Agenzia delle Entrate (non è necessario che siate registrati), sezione servizi online-servizi fiscali-bollo auto 2015.

Potete effettuare il calcolo dell'importo sia inserendo i KW o CV della vostra auto, che indicando la targa (opzione sicuramente più facile). Otterrete in cambio sia l'importo esatto che la scadenza del versamento. Per chi paga in ritardo, sarà indicato anche l'importo degli interessi. E se poi volete anche verificare lo stato di tutti i vostri pagamenti precedenti, potete farlo (ma solo se vivete in una delle seguenti regioni: Sicilia, Sardegna, Friuli Venezia Giulia, Marche e Valle d'Aosta). Se invece volete scomodarvi, potete recarvi nel più vicino tabacchino abilitato al pagamento dei bolli, e saprete tutto nel giro di qualche minuto fornendo il vostro libretto. Il versamento del bollo auto 2015 può essere effettuato presso le delegazioni ACI, presso le agenzie di pratiche auto, in alcune banche, presso i tabacchini convenzionati, gli Uffici Postali e online col servizio Bollonet di ACI recandosi sul sito ufficiale (solo per alcune regioni)

Ravvedimento operoso e sanzioni del bollo auto

Quando il bollo auto viene pagato sopo la scadenza, si va incontro alle seguenti sanzioni:

  • pagando entro 14 giorni dalla sua data di scadenza, si pagherà lo 0,2% dell'importo iniziale per ogni giorno di ritardo;
  • pagando tra il 15° e il 30° giorno, si dovrà versare la sanzione ridotta del 3%;
  • pagando tra il 31° e il 90° giorno, la sanzione sale al 3,33%;
  • pagando dopo il 91° giorno ma entro l'anno passa al 3,75%;
  • pagando oltre l'anno (12 mesi dalla scadenza), bisognerà versare anche la maggiorazione del 30% più gli interessi legali che maturano ogni giorno.