Per il #modello 730 2015, riguardo alle istruzioni, sono state apportate alcune modifiche. Trattasi, nello specifico, di ritocchi e di integrazioni che sono strettamente legate alle ultimissime disposizioni a livello legislativo, tra cui quelle relative all'#imu per i terreni agricoli ed alla lista dei partiti ai quali, in via del tutto volontaria, il contribuente può andare a destinare il 2 per mille dell'imposta sul reddito delle persone fisiche (Irpef). Inoltre, secondo quanto riportato da FiscoOggi, il Quotidiano telematico dell'#agenzia delle entrate, nel ritoccare ed integrare le istruzioni legate al modello di dichiarazione dei redditi 730 2015, si è provveduto anche a correggere alcuni errori materiali.

Le principali novità sulle istruzioni del modello 730 2015 riguardano come sopra accennato il due per mille dell'Irpef ai partiti politici. Ebbene, ora il Fisco nelle istruzioni del 730 2015 ha inserito, in penultima pagina, la lista dei partiti politici tra cui poter scegliere. Altre due novità riguardano l'addizionale Irpef del Lazio e l'aggiunta di precisazioni in merito alla nuova deduzione che spetta quanto si acquista oppure si costruisce un immobile ad uso abitativo da destinare all'affitto. Per quel che riguarda l'Imu sui terreni agricoli i ritocchi e le integrazioni al modello 730 2015 sono state effettuate dall'Agenzia delle Entrate tenendo conto degli ulteriori criteri di esenzione che sono stati introdotti in data 24 gennaio del 2015 con il decreto legge numero 4 del 2015.

Inoltre, nell'apportare le integrazioni sull'Imu agricola nel modello 730/2015, l'Amministrazione finanziaria dello Stato ha tenuto conto anche di una risoluzione del dipartimento delle Finanze, la numero 2/Df del 4 febbraio del 2015.

I migliori video del giorno

Le istruzioni aggiornate per il modello 730 2015, con il provvedimento del 20 marzo, si possono già visionare e scaricare in formato pdf dal sito Internet dell'Agenzia delle Entrate dove sono presenti anche tutti gli altri modelli di dichiarazione, dal modello Iva a quello Irap e passando per Unico e, tra gli altri, per il modello 770.